Brinker trascina Busto al successo sull’Azerrail

di 

6 febbraio 2013

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – AZERRAIL BAKU  3 – 2
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Faucette 5 (5/20, 25%; muri subiti 3), Brinker 16 (13/28, 46%; battute vincenti 3), Prandi ne, Leonardi (L: ricezioni 35, positiva 94, perfetta 57), Marcon 2 (2/14, 14%; ms 3), Bauer 14 (12/25, 48%; bv 1, mf 1), Kozuch 17 (14/50, 30%; bv 2, ms 5, mf 1), Lombardo 6 (5/13, 38%; mf 1), Arrighetti  9 (6/19, 32%; ms 2, mf 3), Caracuta 1 (1/ 2, 50%), Pisani ne, Bisconti. All. Parisi
AZERRAIL BAKU: Anzanello 5 (2/6, 33%;  mf 3), Flier 18 (15/42, 36%; bv 1, ms 4, mf 2), Wilson, Sorokaite 18 (14/48, 29%; ms 1, mf 4), Carocci (L) ne, Radecka 1 (1/1, 100), Lehtonen (0/1; ms 1), Hodge 24 (22/53, 42%; mf 2), Korotenko (L: ricezioni 35, errori 4, positiva 60%, perfetta 23%), Wensink 7 (4/11, 36%; bv 1, mf 2), Karimova, Grbac. All. Chiappini
ARBITRI: Schürmann (Liechtenstein) e Van Der Velde (Olanda)
PARZIALI: 25-17; 16-25; 20-25; 25-23; 15-8 in 102 minuti
STATISTICHE SQUADRA: Busto Arsizio: battute 100, errori 6, ace 6. Ricezioni 85, errori 2, positiva 80%, perfetta 41%. Attacchi 171, errori 17, muri subiti 13, punti 58, 34%. Muri fatti 6. Baku: battute 99, errori 14, ace 2. Ricezioni 94, errori 6, positiva 53%, perfetta 17%. Attacchi 162 errori 15, muri subiti 6, punti 58, 36%. Muri fatti 13.

 

Scavolini Pesaro-Norda Foppapedretti Bergamo 11 Maren Brinker

Maren Brinker ai tempi di Pesaro (foto Davide Gennari)

PESARO – L’Unendo Yamamay, avversaria sabato sera della Kgs Pesaro, ha vinto la gara di andata dei playoff a 6 che qualificano alle finali di Champions League. Una sorta di derby italiano, vista la composizione della squadra azera che ha avuto in Megan Hodge e nell’ex colibrì Manon Flier  le migliori giocatrici.

Le campionesse italiane si sono imposte grazie alla panchina lunga, allo straordinario impatto che Maren Brinker e Gilda Lombardo hanno avuto in una partita che sembrava pendere verso Baku. Ma i numeri sono tutti per le tedesca, che ha realizzato 6 punti nel tie-break. Eppure – sciovinismo al cubo – i commentatori di Sportitalia hanno giudicato Lombardo migliore in campo. Basta osservare i numeri per votare Brinker!

Dopo avere vinto facilmente il primo set, le farfalle si sono trovate a inseguire, con Arrighetti sparita e nervosissima e una prova mediocre di Faucette e Marcon. Coach Parisi, forse più disperato che lucido, si è affidato all’ex pesarese e a Lombardo, sulle quali finora aveva avuto poca fiducia. Le due hanno risposto stupendamente. Il tie-break non ha avuto storia, con Brinker che ha realizzato gli ultimi tre punti delle campionesse italiane. Che andranno a Baku con un certezza: se non riusciranno a bissare il risultato di stasera, avranno a disposizione il Golden Set, che è il massimo dell’antisportività, ma dopo avere punito ingiustamente i campioni d’Italia di Trento potrebbe sorridere a un’altra squadra tricolore.

La gara di andata ha prosciugato le energie mentali delle bustocche, che saranno con la testa rivolta alla gara 2. La Kgs proverà a sfruttare l’opportunità.

Le altre due partite di qualificazione alle Final Four sono in programma giovedì: ore 16: Dinamo Kazan – Rabita Baku; 18 Vakifbank Istanbul – Eczaçibasi Istanbul. Le gare di ritorno sono in programma mercoledì 13, Azerrail – Unendo Yamamay; giovedì 14, Rabita – Dinamo ed  Eczaçibasi –  Vakifbank. Le Final Four (9-10 marzo a Istanbul) vedranno di fronte, in semifinale, il Galatasaray, che organizza l’appuntamento e si è qualificata pagando, e la vincente del derby turco. Nella seconda, le vincenti delle altre due sfide di playoff a 6.

Stasera si è giocato anche in Challenge Cup, con la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza che è andata a fare visita all’ex coach Riccardo Marchesi, che ha vinto uno scudetto guidando la Scavolini di Ferretti e Guiggi, sue avversarie nei quarti di finale. Con le francesi gioca anche la pesarese Lucia Lunghi, a sua volta ex compagna di squadra di Francesca e Martina. Hanno vinto (3-1)  le italiane, con i seguenti parziali: 27-25; 15-25; 20-25; 17-25 in 103 minuti.

Tags: , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>