“Jazz ‘in provincia”, torna la grande musica nei teatri storici del territorio: al via la XIII edizione

di 

7 febbraio 2013

PESARO – Cinque mesi all’insegna del grande jazz, in un affascinante itinerario artistico nei teatri storici della provincia di Pesaro e Urbino, con la partecipazione di musicisti di fama internazionale, ma anche a nuovi talenti. Torna la rassegna “Jazz in provincia”, organizzata dall’assessorato alla Cultura della Provincia di Pesaro e Urbino e dal “Fano Jazz Network”, in collaborazione con i Comuni coinvolti, ai quali quest’anno si aggiunge quello di Gabicce, con il concerto di chiusura in Piazza Valbruna.

Pedini

Rossi e Pedini

Nove concerti, 7 teatri, 8 Comuni e 46 musicisti sono i numeri della XIII edizione, presentata alla stampa dall’assessore provinciale alla Cultura Davide Rossi e dal direttore artistico di “Jazz ‘in provincia” Adriano Pedini (Fano Jazz Network).

“Proprio stamattina – ha detto Davide Rossi – ho firmato l’appello per il jazz lanciato dal sito www.xiljazz.it e rivolto al Ministero per i beni culturali e ai candidati per le elezioni politiche, affinché venga riequilibrato il finanziamento pubblico statale nei confronti del jazz e della musica contemporanea. Il fenomeno dello sbilanciamento di risorse pubbliche a discapito del jazz esiste anche a livello regionale, bisogna rendersi conto che la musica jazz nel nostro territorio fa grandi numeri al botteghino ed ha grande capacità di coinvolgere i giovani. Crediamo molto in questa rassegna e nonostante le difficoltà abbiamo mantenuto il contributo. Per il prossimo anno è a rischio il finanziamento regionale legato alla legge 11 del 2009 sullo spettacolo dal vivo”.

“E’ un problema di politica culturale – ha lamentato Adriano Pedini -, visto che Ministero e Regione finanziano principalmente musica lirica, teatri stabili, secondo criteri di valutazione dei progetti spesso superati. Il jazz nel territorio sta avendo un successo incredibile e insperato, va dunque rivista e ridisegnata la politica culturale, con nuovi strumenti di valutazione, vista anche l’esiguità di risorse. Dalla Provincia e dai Comuni abbiamo avuto sostegno e incoraggiamento. Come Marche Jazz Network faremo una proposta alla Regione Marche perché venga mantenuto questo circuito, sarebbe un peccato, dopo tanti anni, vederlo scomparire”.

Ma vediamo il programma della rassegna, che  rientra nel più ampio progetto regionale “Parco dei Teatri Jazz” con il marchio di “Marche Jazz Network” (polo associativo che riunisce Ancona Jazz, Fano Jazz Network , TAM – Tutta un’altra musica, e Musicamdo).

Dopo il successo dell’anteprima di dicembre a Cagli con Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura, si partevenerdì 15 febbraio, alle ore 21.15 al Teatro comunale di Gradara con un concerto organizzato in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune. Sul palco “Dino Rubino Trio” in “Omaggio a Miriam Makeba”, con Dino Rubino al piano, Paolino Dalla Porta al contrabbasso e Stefano Bagnoli allabatteria.Il primo album registrato dal Trio, dal titolo “Zenzi”, è un tributo del pianista, trombettista e compositore siciliano a Miriam Makeba, artista e attivista sudafricana, di cui valorizza il patrimonio melodico e ritmico in un ritratto a più facce in chiave jazz.

Venerdi 8 marzo a San Costanzo, al Teatro Comunale (ore 21.15) sono di scena Enzo Pietropaoli-Adriano Viterbini Duo in “Streetmates”, progetto con alla base la passione, l’inventiva, il sentimento. L’incontro tra Enzo Pietropaoli e Adriano Viterbini (già chitarra e voce di Bud Spencer Blues Explosion e Black Friday) è un intenso respiro, un’esperienza di condivisione musicale cercata da tempo e nata per caso in una piazza del rione Testaccio.

Sabato 16 marzo al Teatro Bramante di Urbania, sarà protagonista il leggendario Franco D’Andrea, che alle ore 18 incontrerà il pubblico in collaborazione con l’associazione “Il Barco”, mentre alle ore 21.15proporrà il concerto per piano solo dal titolo “Into the mistery”. In scaletta composizioni originali e brani diKid Ory, George Gershwin, Duke Ellington, Billy Strayhorn, Thelonious Monk, Lennie Tristano, John Coltrane.

Sabato 13 aprile al Teatro Conti di Acqualagna (ore 21.15), in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune e l’associazione musicale Acqualagnense, è prevista la IV edizione del “Furlo Jazz Award”, il premio ai migliori musicisti marchigiani, che quest’anno sarà consegnato a Daniele Di Bonaventura. A seguire il concerto di “Daniele Di Bonaventura Meets Form” dal titolo “Viaggio Mediterraneo”, suite per Bandoneòn e orchestra con lo stesso Di Bonaventura al bandoneon e la “Form”, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana.

Sabato  27 aprile al Teatro Comunale di Cagli (ore 21.15), in collaborazione con l’Istituzione Teatro comunale, sarà di scena “Gegè Telesforo-Nu Joy Band”. Con GeGé Telesforo (voice, percussioni) ci saranno Greta Panettieri (voce) L.A. Santoro (voce), Domenico Sanna (piano), Giuseppe Bassi(contrabbasso), Roberto Pistoleri (batteria). Una nuova formazione per un concerto carico di energia e nuove sonorità, dove le voci si fondono con la ritmica e le armonie dei nuovi brani.

Domenica 5 maggio , alle ore 18.30 al Teatro Battelli di  Macerata Feltria, concerto di “Tuck&Patti” dal titolo “35 Years Of Bringing The Joy”. Il celebre sodalizio internazionale formato da Tuck Andress (chitarra) e Patti Cathcart (voce) combina eleganza interpretativa e jazz feeling: anche la più semplice delle melodie viene impreziosita da sfumature inedite.

Venerdì 24 maggio alle ore 21.15, concerto al Teatro Rossini di Pesaro del trio “Gazzè-Marcotulli-Gatto”con Over tour, organizzato in collaborazione con l’Ente Concerti di Pesaro. Il  progetto, che vede Max Gazzèalla voce e basso elettrico, Rita Marcotulli al piano e Roberto Gatto alla batteria, è nato dalla curiosità dei tre artisti di sperimentarsi in un concerto in cui si abbattono i confini della musica, dove la contaminazione tra il pop e le sonorità jazz si fondono fino a trovare un terreno comune. I brani più famosi di Max Gazzè diventano motivo e pretesto su cui improvvisare.

Domenica 26 maggio, alle ore 18, a Gabicce Monte, in Piazza Valbruna, concerto di chiusura dal titolo “Aspettando la Sera”, inserito nella rassegna “Concerti al tramonto”. In collaborazione con l’assessorato al Turismo del Comune di Gabicce  Mare, si esibirà il “Cirano Quintet”, formazione con Jean Gambini (sax tenore), Giacomo Uncini (tromba), Massimiliano Rocchetta (piano), Ludovico Carmenati (contrabbasso),Ivan Gambini (batteria). Cinque musicisti di diversa identità musicale, per ricercare dentro la materia del linguaggio jazzistico un’espressività multiforme.

I possessori della “Marche Jazz Card” potranno usufruire di sconti sul prezzo dei biglietti dei concerti di “Jazz ‘in provincia” e di tutti gli altri concerti a pagamento del circuito regionale.

Per informazioni: Fano Jazz Network, tel. 0721 803043; sito internet: www.fanojazznetwork.it; mail:info@fanojazznetwork.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>