Fano ombelico del mondo per l’arrivederci al Carnevale

di 

10 febbraio 2013

FANO – Chiude con una sfilata da 70mila persone l’ultima domenica del “Carnevale di Fano” 2013 che si è svolta oggi sotto un sole e sotto il lancio di quintali di dolciumi sulla folla per il caratteristico “getto”.

Le attese sono state superate dalla partecipazione di pubblico registrata sin dalla mattinata, durante il “Carnevale dei Bambini”. “Siamo entusiasti di questa edizione 2013 -ha detto Luciano Cecchini, presidente dell'Ente Carnevalesca- graziata anche da uno splendido tempo. Il 'tutto esaurito' di quest'ultima giornata è anche la dimostrazione che la promozione fatta ha funzionato e che il lavoro e la passione dei nostri maestri carristi e delle centinaia di persone coinvolte nell'organizzazione dell'evento, dai tecnici alle associazioni, ha dato i suoi frutti”.A conferma del grande risultato ottenuto dal turismo, in particolare quello “plein air” anche i dati degli organizzatori del “Carneval-Camper” che si è svolto nel fine settimana: più di 200 i camper che, da venerdì sera fino a domenica hanno “invaso” la Città della Fortuna.Maria Antonia Cucuzza, vicesindaco e assessore al Turismo, Eventi e Manifestazioni, ha sottolineato: “Meglio di così non poteva andare. Abbiamo avuto un pubblico variegato e diversi pullman provenienti da tutta Italia e, in particolare, da Roma, il cui carnevale è gemellato con il nostro. Un segno tangibile dei risultati del lavoro di promozione fatto in questi mesi. La nostra città si è fatta conoscere presentandosi al meglio durante uno degli eventi a cui più è legata”. E proprio per rimarcare il ruolo attrattivo di un evento legato a doppio filo con le tradizioni della città l'assessore ha proposto di “spostare il 'Carnevale dei Bambini' che, anche per la sua seconda edizione, è stato il fiore all'occhiello dell'evento, dove veniva fatto originariamente, cioè lungo corso Matteotti, cuore della città. Questa era la tradizione e, poiché abbiamo visto che riproporre le usanze e tradizioni del passato, è la vera formula vincente perché non tornare alle origini?”.Originali metodi di "cattura" getto avvistati a Fano

L’ultima domenica del Carnevale di Fano è iniziata, la mattina, con la partita-allenamento della Nazionale femminile di basket sorde, nella palestra del liceo scientifico “Torelli” di Fano. Le ragazze hanno poi assistito, nel pomeriggio, alle sfilate dei carri allegorici. “Grazie per il sostegno che ci avete dato -ha detto Beatrice Terenzi, direttore tecnico della squadra, al pubblico di viale Gramsci- speriamo che il vostro calore sia da sostegno per la nostra partecipazione alle prossime Olimpiadi di Sofia, Bulgaria”.

Il “sambodromo” fanese si è riempito, dalle 10.30, di mamme e papà, nonni e nonne e, soprattutto, centinaia di bambini in maschera come poche altre volte è accaduto per il “Carnevale dei Bambini”. Hanno sfilato le mini-maschere preparate dagli studenti degli asili “G. Gaggia” e “F. Zizzi”, le terze e le quarte (sei classi) della scuola elementare Luigi Rossi e 5 classi elementari e una media dell’Istituto Pie Venerini. Insieme a loro anche le decine di bambini che hanno sfilato in rappresentanza dell’Unicef per sensibilizzare i visitatori alla tutela dei diritti di bambini.

Alle ore 15 viale Gramsci si è aperto all’ultima sfilata dei carri allegorici del “Carnevale di Fano”. Ad aprire il corteo è stata la bellezza della neo “Miss Carnevale di Fano”, Daniela Soruceanu, 18 anni, di Pesaro insieme alla Miss Fano 2012 Giulia Bellucci. A seguire poi le splendide mascherate “La magia di un libro”, dell’associazione “Gommapiuma x Caso”, “La famiglia dei Barbapapà” dell’associazione Laboratorio Geniale e “Amici per le pinne” realizzata dall’oratorio “La Stazione” di Cuccurano. Alle colorate mascherate è seguita la maestosità dei carri di prima categoria. Ad aprire la sfilata è stato “La magia… La politica spazza via” di Paolo Furlani seguito dall’ultima creazione di Luca Vassilich e Matteo Angherà, “Non c’è più religione”, che ha preceduto la realizzazione fatta dagli stessi nel 2012: “La Vedova Nera”. A chiudere il corteo il carro di Ruben Eugenio Mariotti “Sull’onda dell’antipolitica” e l’allegria della “Musica Arabita”.

La festa si è spostata poi in piazza XX Settembre per l’esibizione travolgente di Alessandro Ristori e dai suoi musicisti, la band dei “Portofinos”, ospiti della III domenica di sfilate che hanno scaldato il pubblico presente con il loro “rock & roll”. Ristori ha ballato e cantato in stile “Elvis” coinvolgendo il pubblico.

La partecipazione del pubblico è stata premiata con la proclamazione della “Tribuna più bella”. Il palco vincente è stato il numero 24 “Nel bosco incantato tra fate e folletti” a cui è andato il premio in palio: un premio escursione a scelta “Le bellezze delle Marche” per 15 persone offerto dall’Agenzia Viaggi TuQui Tour.

Premiata anche la “Vetrina più bella”, quella di “Primigi” realizzata dai negozianti della città in occasione dei 90 anni della Musica Arabita.

A concludere la terza e ultima giornata di sfilate è stata l’estrazione della “Lotteria del Carnevale” di Fano, avvenuta in piazza XX Settembre. Il 1° premio, un buono spesa di 3.000 euro spendibile nei Conad di Sant’Orso o Flaminio, è andato al biglietto serie “Coviello” numero 744. 2° estratto è stato il tagliando serie “Scaramuccia” numero 934 che avrà, in premio, una fornitura di un anno di Luce e Gas, offerta da chebolletta, main sponsor del Carnevale 2013. Il terzo premio, un week-end per 2 persone alla Riserva Privata San Settimio, è stato assegnato al biglietto serie “Brighella” numero 125. 4° biglietto estratto è stato quello serie “Beppe Nappa” numero 652 mentre il 5° è stato quello con serie “Coviello” e numero 955. Ai loro possessori andrà, rispettivamente, una city-bike da uomo e una city-bike da donna messe in palio da Bargnesi di Cascioli.

 

 

Il Carnevale di Fano sempre più amico del turismo plein air. Ha colto nel segno il raduno nazionale “Carneval-Camper” organizzato dal Camping Club Fano in collaborazione con la Federcampeggio Marche e il Comune di Fano in occasione della terza domenica di sfilate della kermesse fanese. Più di 200 i camper che, da venerdì sera fino a domenica (in termini di presenze turistiche il dato oscilla fra 1.300 e 1800 persone), hanno pacificamente “invaso” la Città della Fortuna portando un’originale ventata di allegria e la simpatia di dialetti di tutta Italia: dal Veneto alla Calabria, dalla Puglia alla Toscana, dall’Emilia-Romagna al Lazio fino all’Abruzzo.

Numerosissimi coloro che hanno colto l’opportunità di sostare nell’area del campo d’aviazione allestita dal Camping Club Fano in occasione della seconda e terza sfilata. È stata l’occasione per rilanciare e “pesare” il settore del turismo itinerante a Fano che, secondo stime dell’assessorato al turismo del Comune, raggiunge le 30-40mila presenze all’anno e si rivela assai prezioso nella bassa stagione.

Nel corso del week-end i camperisti hanno passeggiato e fatto shopping in città, partecipato a visite guidate del centro storico, festeggiato al Veglion dla Gluppa che si è svolto sabato sera alla bocciofila La Combattente, fino al gran finale di domenica con la festosa partecipazione al corso mascherato.

“L’impegno organizzativo è stato premiato – dicono dal direttivo del Camping Club Fano – perché tantissimi camperisti hanno scelto la nostra città per trascorrere il Carnevale. Tanti, tantissimi, sono rimasti entusiasti e torneranno anche in estate”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>