Volley, quattro coach italiani alle Final four

di 

14 febbraio 2013

Marcello Abbondanza in un time-out (Foto Cev)

Marcello Abbondanza in un time-out (Foto Cev)

PESARO – Quattro coach italiani alle Final Four di Champions League. Un trionfo!

Nella stagione (interna) più difficile, la pallavolo femminile italiana si conferma al vertice continentale. Lo fa grazie ai suoi allenatori che – purtroppo – devono portare all’estero le loro qualità. Così, le Final Four in programma a Istanbul il 9 e 10 marzo saranno una sfilata dei nostri allenatori. Rabita Baku, Unendo Yamamay Busto Arsizio, Vakifbank e Galatasaray Istanbul, quattro squadre guidate da altrettanti coach italiani. E’ uno straordinario spot reso possibile dal successo, concretizzato pochi minuti fa, della Rabita Baku di Marcello Abbondanza, ex allenatore della Scavolini Pesaro,e di Giovanni Guidetti che ha superato Lorenzo Micelli nel derby italiano sul Bosforo. Per certi aspetti, si potrebbe giocare sulla vendetta della famiglia Guidetti, visto che Ettore, cugino di Giovanni, è stato licenziato da Urbino.

Superando la Dinamo Kazan (Gamova 24 punti) con qualche sofferenza di troppo, la Rabita ha guadagnato il lasciapassare per la semifinale con l’Unendo Yamamay Busto Arsizio (9 marzo ore 14).

Forte del successo a Kazan (1-3), la Rabita è partita benissimo, vincendo i primi due set a 18 e 14 in 47 minuti. Poi ha allungato nel terzo (8-4), ma la troppa facilità ha tradito le ragazze del coach romagnolo, che hanno preso un’imbarcata clamorosa (9-21) che le ha obbligate al 4°, pericoloso, set. Dove è emersa la superiorità dalla Rabita che può contare su una delle migliori attaccanti del mondo, la colombiana Madelaynne Montaño (29 punti con il 57% offensivo e due muri); le hanno dato una grossa mano Aurey Cruz (13 con 5 ace) e Akinradewo (17 con 4 muri e l’ultimo punto). Le azere hanno ribadito il 3-1 dell’andata, chiudendo (25-18; 25-14; 19-25; 25-20) in 100 minuti.

Solo Dinamo Kazan e Marcello Abbondanza, che guidava Villa Cortese, erano presenti alle Final Four della passata stagione. Ci ritorna solo l’allenatore. Ed è un suo grande merito. Complimenti.

L’altra semifinale sarà un derby turco, l’ennesimo, tra i Galatasaray, qualificato a pagamento in quanto organizzatore delle Final Four, e la Vakifbank. Appuntamento il 9 marzo alle ore 17.

La Vakifbank ha vinto entrambe le sfide con l’Eczaçibasi e con identico punteggio. Una partita strana, perché le ragazze di Micelli (Shashkova 16, Senna Usić e Neslihan Darnell 12, Poljak 9 con 4 muri) sono partite bene (8-5 e 16-12), ma hanno subìto la reazione di Brakočević (26 con 4 ace e altrettanti muri), Glinka (15), Toksoy (13), Sonsirma (9) e Fürst (7) che hanno fissato un clamoroso parziale: dal 18 a 17 interno al 19-25 esterno, con la formidabile serba al servizio.

Il secondo set è stato l’opposto, con l’Eczaçibasi a inseguire (13-16) e a sorpassare nel finale. Il terzo set è stato un monologo (9-20) fino al 16-25. Il quarto parziale è stato incredibile: l’Eczaçibasi conduceva 21-19, ma si è fatto riprendere ed ha annullato quattro match-point prima di cedere (26-28) su un ace sporco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>