Variante ex Zuccherificio, doppia seduta della Commissione Urbanistica

di 

15 febbraio 2013

Giacomo Mattioli

di Giacomo Mattioli*

La variante dell’ex Zuccherificio, dopo l’approvazione da parte della Giunta, sta per giungere all’esame della Commissione Urbanistica.

Come accaduto per i progetti più importanti portati all’attenzione del Consiglio Comunale da parte dell’Amministrazione negli ultimi anni (si pensi ad esempio al Piano Energetico e Ambientale Comunale, al Piano delle Strutture Ricettive e a quello delle B5), è mia intenzione riservare una grande attenzione in Commissione Urbanistica anche a questa variante: ho già programmato una doppia seduta per esaminarla, approfondirla e discuterla.

Il calendario delle riunioni prevede un primo incontro per martedì 19/02 durante il quale il progetto sarà spiegato dettagliatamente dai tecnici dell’Urbanistica e vedrà l’inizio della discussione, che poi proseguirà il martedì successivo, 26/02, e si concluderà con la votazione; la variante approderà poi in Consiglio Comunale il 28/02.

Se infatti da una parte c’è la volontà dell’Amministrazione di riuscire finalmente a chiudere questa partita il prima possibile, come la città attende da ormai troppi anni, dall’altra parte c’è l’impegno a farlo nella maniera più approfondita e trasparente possibile, collaborando con l’opposizione senza forzature e nel rispetto delle diverse posizioni.

Personalmente però non ritengo corretto esprimere giudizi a priori, senza aver nemmeno visto gli elaborati progettuali, come invece stanno facendo in questi giorni alcuni esponenti politici e di associazioni di categoria, falsando così il dibattito e l’opinione pubblica e anticipando valutazioni che magari, alla luce dei fatti concreti, potrebbero avere esiti differenti.

Ritengo quindi doveroso che ognuno si prenda le proprie responsabilità nei confronti di quell’area che, rappresentando la porta sud della città, non merita di trovarsi in quelle condizioni anzi è rimasta nel limbo fin troppo a lungo: ora che si è trovata una soluzione, rispettosa delle indicazioni non solo del Comune ma anche della Provincia, essa deve essere portata a termine con determinazione per il bene della città lasciando da parte interessi particolari e polemiche gratuite.

*Capogruppo “La Tua Fano”, presidente Commissione Urbanistica-Ambiente

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>