Silvestri dà la caccia ai falsi invalidi

di 

21 febbraio 2013

FANO – “La grande quantità di permessi per invalidi rischia di inficiare il risultato del progetto di razionalizzazione della viabilità del centro storico”. Chi parla è l’assessore alla mobilità e traffico del Comune di Fano Michele Silvestri, che alla vigilia dell’attuazione del progetto di riqualificazione del centro si scontra con l’elevato numero di permessi per invalidi esistenti all’interno del territorio della città della fortuna.

“I nostri uffici – continua l’assessore Silvestri – hanno svolto una piccola indagine prendendo a campione le città aventi una popolazione simile alla nostra, sui 60/70mila abitanti, per conoscere quanti permessi di questo tipo ci sono. Adesso do qualche dato, tenendo presente che Fano con 64mila abitanti ha rilasciato 2.200 permessi per invalidi. Afragola, 63.800 abitanti ha 1.400 permessi, Crotone 61.800 abitanti ha 730 permessi, Carpi 70mila abitanti ha 465 permessi, Savona 62.300 abitanti ha 1.260 permessi, Vittoria in provincia di Ragusa con 63.500 abitanti ha 1.279 permessi, Castellammare di Stabia con 65mila abitanti ne ha circa 1.000. Come si vede, tranne qualche rara eccezione, come Imola, le città italiane con identica popolazione hanno un numero nettamente inferiore di permessi rispetto a Fano. Una situazione che vorrei comprendere meglio interpellando tutti i soggetti interessati”.

Il rilascio dei permessi auto per invalidi spetta a ogni amministrazione comunale che è obbligata a tale rilascio dietro il certificato di invalidità rilasciato al soggetto dall’Asur di competenza. E con il tesserino arancione si può entrare e parcheggiare dovunque, nel centro storico come nelle zone a traffico limitato del Lido e Sassonia in estate. Duemila permessi per Fano sembrano davvero un numero eccessivo: equivale a 1 pass auto ogni 29 abitanti!

“Sia chiaro che io non intendo fare la caccia ai veri invalidi che si sono visti riconosciuta giustamente la loro situazione di invalidità – prosegue l’assessore Michele Silvestri – ma vorrei rivedere meglio come funziona tutto il sistema. A cominciare anche dagli abusi e dagli eccessi di un utilizzo improprio del tesserino per invalidi. Automobilisti che espongono il tagliando ma senza essere in servizio per l’invalido. Su questo, chiederò al corpo di Polizia Municipale di svolgere un servizio apposito, al fine di prevenire ed eventualmente colpire i furbi che si approfittano sulla pelle dei veri invalidi”. Un fenomeno, questo, che suscita sempre indignazione nell’opinione pubblica con casi eclatanti a livello nazionale. Fano con i suoi 2.200 permessi per invalidi ha in pratica lo stesso numero del capoluogo Pesaro, città che però ha circa 30mila abitanti in più.

“Come primo passo concreto – dice l’assessore al Traffico Michele Silvestri – intendo convocare al più presto una conferenza di servizi insieme con i funzionari dell’Asur competenti al rilascio della certificazione di invalidità e con gli uffici comunali interessati allo scopo di verificare come si possa in futuro rivedere l’intero meccanismo”.

Un commento to “Silvestri dà la caccia ai falsi invalidi”

  1. gery scrive:

    Finalmente qlc ke si occupa di qsti abusi eccessivi nn se ne può più di wsta gente ke se ne approfitta..Brabo..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>