Kgs a Bergamo in ansia per De Gennaro

di 

23 febbraio 2013

PESARO – Cumuli di neve attorno al PalaSnoopy. La Kgs è impegnata nell’ultimo allenamento prima della partenza per Bergamo, dove domenica (ore 18, diretta su Sportube 2 e Radio Incontro) sarà ospite della Foppapedretti.

Monica De Gennaro. Foto Danilo Billi

All’interno del PalaSnoopy un caldo piacevole, Signorile e Valpiani provano il palleggio, Lestini e Dèkàny si impegnano in ricezione, Chirichella, con la caviglia ancora bloccata dal ghiaccio, osserva malinconicamente le compagne… E… Monica De Gennaro dov’è?

Ha finito l’allenamento prima, adesso è in infermeria, impegnata nella fisioterapia. Purtroppo – racconta coach Pistola – già domenica scorsa, durante la partita con Villa Cortese, ha avuto un acciacco, una piccola distorsione a un ginocchio che ha procurato un’infiammazione. Abbiamo cercato di gestirla al meglio durante gli allenamenti settimanali, per portarla nella migliore condizione possibile alla partita… Speriamo bene, anche perché non ci sono alternative”. A meno che Tirozzi – davvero encomiabile con 544 ricezioni, la più impegnata della serie A1 – non riceva da… sola.

Quella di domenica sarà la quarta sfida stagionale fra le due squadre. Finora solo amarezze per le colibrì. La Foppapedretti ha espugnato Pesaro sia in campionato sia in Coppa Italia e ha vinto facilmente il ritorno di coppa.

E’ una squadra molto bene organizzata a muro-difesa e ha il suo punto di forza in questi due fondamentali. E risulta particolarmente ostica perché noi abbiamo difficoltà nella fase d’attacco. In tutte le partite precedenti, più che a contenere le nostre avversarie, abbiamo avuto difficoltà ad avere buone percentuali offensive. E alla lunga abbiamo pagato. Bergamo ha caratteristiche che risultano fastidiose per noi”.

In campionato foste bravissimi a bloccare gli attacchi di Valentina Diouf (migliore realizzatrice del campionato con 261 punti, seguita da Lise Van Hecke 249 e Kenny Moreno Pino 240), ma dal cilindro di Lavarini spuntò una sorprendente Brown, che si è ripetuta domenica scorsa, contro Bologna.

E’ un’ottima giocatrice, una delle migliori degli ultimi anni nel campionato di college. E’ una buona alternativa alla Diouf e nel ruolo di opposto Bergamo è copertissima”.

Contro Villa Cortese avete dimostrato che quando tutte danno il massimo potete mettere in difficoltà chiunque. Sarebbe ora di farlo anche con Bergamo.

La nota positiva è avere dimostrato che quando tutto il sestetto offre un buon contributo da tutto il sestetto, siamo competitivi. Non a caso abbiamo vinto anche con le squadre più forti. E’ vero che non abbiamo alternative e quindi ci manca la possibilità di sopperire a eventuali difficoltà delle singole. E’ necessario che il collettivo si esprima al massimo e purtroppo non accade sempre. In tutta la stagione, però, possiamo limitare a un paio le brutte prestazioni, quando la nostra pallavolo non è stata all’altezza. Altrimenti ce la siamo giocata con tutte”.

La Foppapedretti è reduce da una prestazione più fortunata che positiva, dopo essere andata sotto di 2 set contro Bologna e avere rischiato di perdere anche il terzo, si è salvata al tie-break. Una partita in casa, contro l’ultima della classe… che abbiano sottovalutato le avversarie, oppure è la conferma che, pure essendo calato il livello tecnico, è aumentato l’equilibrio che rende comunque interessante la serie A1 italiana?

Bologna di oggi non è più quella del girone di andata, avendo inserito due buone giocatrici quali Lipicer-Samec e Brussa. La prima è espertissima e assai forte, la seconda faceva la riserva di Agüero a Modena, ma in questo campionato può fare la sua parte. Bologna ha qualità tecniche migliori e soprattutto, senza l’assillo della classifica, gioca tranquilla e può dare fastidio a chiunque”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>