Leonardi: “Vis in difficoltà sul piano fisico”

di 

24 febbraio 2013

Leandro Leonardi

Leandro Leonardi

PESARO – “Non abbiamo disputato una bella partita”. Onesto il responsabile dell’area tecnica Leandro Leonardi dopo lo 0-1 con l’Angolana, uno che quando si perde ci mette sempre la faccia. I motivi del rovescio: “Abbiamo giocato un primo tempo sottoritmo, poi nella ripresa ci sono venute a mancare anche un po’ di energie. Ho visto la squadra in difficoltà sotto l’aspetto fisico. E questo non credo sia dovuto tanto alle tre settimane di sosta, quanto alla preparazione effettuata su campi pesanti. Nulla di preoccupante, comunque… sono cose che si stanno nell’arco di una stagione”.

Una sconfitta da resettare immediatamente, visto che mercoledì si va a Celano per il recupero del match rinviato sette giorni fa. “C’è rammarico perché poteva essere la partita della svolta – dichiara Peppe Magi, l’allenatore della Vis – Arrivavamo sempre secondi sul pallone, contro avversari più reattivi anche se la nostra sconfitta forse è esagerata. Il modulo? Magari con un altro modulo o con altri giocatori avremmo fatto risultato ma adesso non posso farci più niente. La causa della sconfitta è da ricercarsi nell’aver giocato sottoritmo, ma non è facilissimo calibrare il lavoro quando all’orizzonte non c’è la partita, che considero il miglior allenamento possibile. Probabilmente qualcosa ho sbagliato anche io”.

Luciano Miani, allenatore della Renato Curi Angolana: “Poteva starci anche un pareggio, però ovviamente siamo contenti della vittoria e soprattutto della prestazione. Abbiamo iniziato il 2013 alla grande? Nel calcio non si inventa nulla: abbiamo sistemato alcune lacune difensive che avevamo all’andata, dove comunque non avevamo mai fatto mancare prestazioni convincenti”.

Anche il match winner Vincenzo Vespa è onestissimo: “Partita equilibrata su un campo pesante. Era difficile giocare a calcio e sapevamo che si sarebbe risolta con un episodio. Fortunatamente l’episodio s’è materializzato a nostro favore e ci prendiamo questi tre punti che ci fanno molto comodo, anche se forse il pareggio era il risultato più giusto”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>