Mancinelli: “Servizi educativi, no a esternalizzazioni”

di 

1 marzo 2013

da Franco Mancinelli, assessore ai Servizi Educativi del Comune di Fano, riceviamo e pubblichiamo:

FANO – L’Amministrazione Comunale di Fano ha ricevuto una lettera a firma di una rappresentanza del corpo docente delle scuole comunali dell’infanzia con la quale si afferma che il Comune avrebbe la volontà di esternalizzare il servizio educativo nelle scuole dell’infanzia comunali.

Questa lettera è stata anche ampiamente riportata dagli organi di stampa e ne è derivata una qualche disinformazione anche fra le famiglie che hanno i propri figli presso le nostre scuole.

Dobbiamo smentire, nella maniera più categorica, ogni volontà di esternalizzare i servizi educativi di questo Comune. Ciò che ha procurato questo allarme ingiustificato è dovuto al fatto che il Comune ha predisposto, nell’ambito della prossima gara di appalto per il servizio di sostegno sempre nelle nostre scuole, anche il servizio per la copertura delle sostituzioni del personale educativo per le scuole dell’infanzia e per gli asili nido.

La sostituzione del personale educativo rientra nella possibilità complessiva che il Comune ha a disposizione per le assunzioni a tempo determinato, le quali sono regolate ogni anno dalla legge finanziaria, ora di stabilità.

Come noto i pesantissimi vincoli finanziari per gli enti locali condizionano anche questa possibilità di spesa tanto che, nel corso dell’anno 2011, vincoli particolarmente restrittivi hanno messo in difficoltà lo svolgimento della normale attività educativa costringendo il personale a particolari sacrifici data l’impossibilità di sostituire il personale assente.

E’ proprio quindi per garantire uno svolgimento adeguato dei servizi che l’Amministrazione ha deciso di ricorrere ad un appalto in modo da garantire, senza interruzioni, l’erogazione di un servizio importante come il servizio educativo, parimenti a quello che si fece nel 2006 quando si decise di svolgere, attraverso un appalto, il servizio di sostegno, che ora gode dell’apprezzamento di tutta la comunità educativa.

In conclusione, quindi, la decisione va nella direzione di garantire il miglior servizio possibile alle nostre scuole ed ai nostri nidi, proprio nell’ottica di voler mantenere il servizio educativo comunale che sappiamo essere apprezzato dalla comunità locale e spesso portato ad esempio nell’intero paese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>