Alla Kgs manca il guizzo decisivo

di 

3 marzo 2013

IMOCO VOLLEY – KGS ROBURSPORT 3 – 1

 

IMOCO: Agostinetto ne, Maruotti ne, Fiorin 11 (10/26, 38%; muri subiti 1, muri fatti 1), Daminato, Camera 2 (1/3, 33%; battute vincenti 1), Zanotto, Rossetto (L: ricezioni 7, 86% positiva, 43% perfetta), Calloni 6 (5/12, 42%; ms 3, mf 1), Nikolova 23 (20/48, 42%; bv 2, ms 3, mf 1), Crozzolin, Barcellini 16 (11/32, 34%; bv 2, ms 3, mf 4), Barazza 14 (11/20, 41%; ms 1, mf 3). All. Gaspari.

 

KGS ROBUR: Moreno Pino 24 (23/55, 42%; ms 4, mf 1), Valpiani, Gibbemeyer 10 (6/12, 50%; bv 1, mf 3), De Gennaro (L: ricezioni 35, errori 3, positiva 83%, perfetta 40%), Lestini ne, Manzano 5 (4/9, 44%, ms 1, mf 1), Chirichella ne, Dékány, Signorile 1 (1/1) Tirozzi 9 (9/28, 32%; ms 1), Muresan 17 (11/33, 33%; ms 3, mf 6). All. Pistola.

 

ARBITRI: La Micela e Padoan.

 

PARZIALI: 25-21; 22-25; 25-17; 25-23 in 108 minuti.

 

STATISTICHE SQUADRA:

 

IMOCO: Battute 96, errori 5, ace 5. Ricezioni 67, errori 5, positiva 76%, perfetta 46%. Attacchi 141, errori 11, muri subiti 11, punti 58, 41%. Muri fatti 9.

 

KGS: Battute 87, errori 8, ace 1. Ricezioni 80, errori 10, positiva 76%, perfetta 40%. Attacchi 139, errori 18, muri subiti 9, punti 54, 39%. Muri fatti 11.

 

 

TREVISO – La KGS sfiora il tie-breaksul campo della Imoco Conegliano. La partita è stata in equilibrio per tutti e quattro i set, fatta eccezione per l’ultima parte del terzo, quando le padrone di casa, sospinte da un pubblico calorosissimo, hanno piazzato un break di 8-2 che ha chiuso il parziale, sin lì ancora in discussione sul 17-15 per le venete.

Gibbemeyer in azione. Foto Danilo Billi

Per il resto, gran battaglia tra due difese tenacissime e pesaresi penalizzate da un maggior numero di errori (27 a 19, ben 10 nel set decisivo) e da una battuta meno pungente.
Primo set con Conegliano sempre avanti ma mai capace di scappare via se non sul minibreak piazzato sul 23-20. Nel secondo, partenza-sprint della KGS, subito avanti 3-0, poi a +5 al primo timeout tecnico ed infine a +6 (massimo vantaggio) sul meno 5. Lentamente la Imoco tornava sotto: prima a -3 giusto prima del secondo stop tecnico, poi a -1 (16-17), infine in parità a quota 19. L’ultimo strappo della KGS (22-19) era quello decisivo: la Imoco tornava a -1 ma poi cedeva 22-25. Terzo set con buona partenza pesarese (4-1) ma pronta reazione delle venete: l’ultimo pari era a quota 9, poi le padrone di casa restavano avanti sino alla fine, nonostante i continui tentativi di rimonta delle colibrì, giunte sino al 15-17 prima di cedere di schianto.

 

Nel quarto set la Robur partiva bene, finiva sotto 12-10 prima di piazzare un 6-0 che la portava a +4 al secondo timeout tecnico; il turno di battuta di Barcellini ristabiliva la parità, la Robur tornava avanti e manteneva il vantaggio sino al 20-19, poi Conegliano sorpassava e chiudeva 25-23 set e partita.

Così il coach pesarese Andrea Pistola: “La nostra è stata una prestazione discreta, abbiamo interpretato una buona partita: purtroppo ci è mancata lucidità nei momenti decisivi, con alcuni palloni da gestire meglio. Però, terzo set a parte, abbiamo dimostrato di essere in un buon momento. Loro sono una buona squadra che difende molto ed ha buoni attaccanti sia di palla alta e di palla veloce. Il nostro rammarico è di essere mancati in attacco nella fase finale, il che non ci ha permesso di concretizzare quello che avevamo fatto per tutta la partita. Infatti le percentuali sono molto simili, ma noi abbiamo commesso 8 errori in più e questo l’abbiamo pagato caro. In vista dei play-off, comunque, questa partita è abbastanza confortante: lavoriamo sopratttutto per arrivare in buona forma ai play-off””.

Domenica prossima la KGS ospiterà la Idea Volley Forlì: si gioca alle 16 al Banca Marche Palas.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>