Gualazzi: “Ora vivo a Londra: Urbino bella ma scomoda”

di 

14 marzo 2013

MILANO – “Abito a Londra da qualche tempo. Resto italiano. L’ultimo album l’ho scritto anche a Londra. Mi trovo bene, Urbino nel suo essere piccola è bellissima ma scomoda per chi fa il mio lavoro”. Raphael Gualazzi, ospite di Radio DeeJay, ha parlato della sua nuova vita lontano dalla sua amata città ducale. “A Urbino c’è l’università e un grande patrimonio artistico – ha spiegato – Credo che al Palazzo Ducale ci sia pure una stanza per l’ambasciatore inglese. Insomma, tra Urbino e Londra c’è un rapporto. Urbino è una realtà di grande ispirazione artistica ma poco connessa con i grandi centri italiani ed europei, per chi si deve spostare come me. Fino a tempo fa dovevo prendere il pullman fino a Pesaro, poi il treno…”.

Raphael Gualazzi 2011 2

Gualazzi in concerto

Gualazzi, reduce da Sanremo dal quinto posto con Sai (ci basta un sogno), sta promuovendo il suo nuovo lavoro: Happy Mistake. “Nel tempo sto scoprendo la voce come strumento, dopo aver iniziato da pianista – ha spiegato -. Sto scrivendo canzoni, così vengo più in contatto con me stesso. Mi trovo bene, del resto il jazz insegna standard musicali semplici e bellissimi. L’ispirazione va lasciata libera”. Curiosità: Gualazzi ha ricordato come la musica del noto spot sul “187”, quello con Mara Maionchi e Nicola Savino, sia farina del suo sacco (il pezzo originale è “Love goes down slows”).

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>