Scavolini Banca Marche a Cantù con un occhio altrove

di 

15 marzo 2013

PESARO – Otto turni alla conclusione e si fa sempre più serrata la lotta per evitare l’ultimo posto che costerà la retrocessione in Legadue per l’anno prossimo. Sono rimaste cinque le formazioni coinvolte, con Cremona che con i suoi 16 punti è virtualmente fuori dalla mischia: Montegranaro, Bologna ed Avellino a quota 14, Pesaro 12, Biella 10.

Stipcevic in azione

Ricordando che la sfida tra la Virtus e gli irpini, rimandata per neve, sarà recuperata il 27 marzo, questa 23esima giornata propone un match chiave per il futuro della classifica: a Biella si sfideranno l’Angelico e la Sidigas, coi piemontesi che all’andata erano riusciti ad  espugnare il parquet di Avellino e in caso di vittoria avrebbero un due a zero negli scontri diretti che aprirebbe scenari interessanti.

I tifosi pesaresi probabilmente faranno il tifo per la formazione campana, sperando di tenersi alle spalle Biella fino al 5 maggio, anche in virtù del due a zero negli scontri diretti che metterebbe al sicuro la Vuelle in caso di un arrivo a pari punti. Ma la Scavolini Banca Marche ha il dovere di arrivare il prima possibile alla fatidica quota 20, anche se la sfida di domenica prossima a Cantù non è certamente delle più agevoli.

Si giocherà a mezzogiorno per esigenze televisive e la formazione brianzola avrà sulle maglie il nuovo sponsor Lenovo, il terzo stagionale dopo Chebolletta e FoxTown. Cantù è in piena lotta per conquistare una delle prime quattro posizioni e i ragazzi di Markovski dovranno continuare il trend positivo mostrato nell’ultimo mese. Da queste due trasferte (dopo Cantù la Vuelle si recherà a Caserta) l’obiettivo è di portare a casa almeno due punti.

Le altre partite in programma in questo 23esimo turno per le dirette concorrenti della Vuelle:

Angelico Biella – Sidigas Avellino
Oknoplast Bologna – Trenkwalder Reggio Emilia
Sutor Montegranaro  – Enel Brindisi

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

Lenovo Cantù (28 punti) – Scavolini Banca Marche Pesaro (12 punti)
Domenica 17 marzo – ore 12.00 – NGC Arena di Cantù
Diretta televisiva su La7d (canale 29 del digitale terrestre) e Sportitalia 2 (canale 61)
Risultato dell’andata:  Pesaro – Cantù 66-76

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Squadra tosta questa Lenovo che, anche dopo la cessione di Markoishvili, continua a produrre un basket spettacolare ma redditizio, con una buona circolazione di palla (seconda negli assist) e il controllo dei tabelloni (terza nei rimbalzi). Merito di Andrea Trinchieri, entrato ormai nell’olimpo degli allenatori europei, dopo la nomina ad head-coach della nazionale greca. Sotto la sua guida Cantù sta tirando con alte percentuali (prima assoluta dall’arco e quarta nel tiro da due) grazie ad un sistema di gioco che esalta i tiratori. Il play titolare è diventato Jonathan Tabu che, dopo un paio d’anni di gavetta, è notevolmente migliorato anche in fase realizzativa, da guardia parte Pietro Aradori, ormai uno degli italiani più determinanti, in grado di aprire le difese avversarie con le sue brucianti penetrazioni. L’americano Jeff Brooks sfrutta i suoi centimetri per mettere in difficoltà con il gioco spalle a canestro l’avversario diretto, mentre sotto i tabelloni la coppia Alex Tyus e Marteen Leunen è una delle più redditizie del campionato, con il primo a convertire in schiacciate i numerosi assist dei compagni e il secondo a scardinare le difese con il suo tiro da fuori.

Dalla panchina parte Nicolas Mazzarino, miglior sesto uomo del campionato, che a 38 anni continua a martellare le difese avversarie con il suo tiro mortifero. Jerry Smith può dare il cambio sia al play che alla guardia, mentre Stefano Mancinelli è ancora alla ricerca del ritmo partita dopo il lungo stop. L’ex biancorosso Marco Cusin parte dalla panca ma la sua verticalità lo rende sempre il miglior centro italiano del campionato.

 

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Ormai è da più di un mese che la Scavolini Banca Marche non riesce ad allenarsi al completo, causa vari acciacchi che colpiscono a rotazione i giocatori pesaresi. Questa settimana è stato il turno di Sylvere Bryan, oltre ai consueti problemi di capitan Flamini giunto al terzo “N.E.” consecutivo, e alla caviglia ballerina di Amici. Contro una squadra atletica e con tanti lunghi da poter schierare, perdere uno dei tre soli lunghi disponibili non sarebbe di buon auspicio e costringerebbe la Vuelle ad abusare del tiro da tre, sperando di avere la mano calda come contro Brindisi dove i pesaresi hanno tenuto una percentuale superiore al 50%. Ma Markovski sa di non poter sempre contare su una serata perfetta dall’arco dei 6,75 e chiederà a Kinsey di continuare nella sua crescita offensiva, il numero 21 biancorosso sembra soffrire la convivenza con Barbour, atleta molto più esuberante che difficilmente rinuncia ad un tiro, mentre Tarence preferisce mettersi al servizio della squadra, senza troppi eccessi di protagonismo. Un protagonista assoluto è diventato ormai Rok Stipcevic che da quando indossa la canotta della Scavolini Banca Marche, sta viaggiando a cifre da MVP del campionato, sfiorando i 20 punti di media col 50% da 2 e l’85% dalla lunetta. Il croato sta dimostrando di gradire il suo ruolo di leader indiscusso del gruppo e in un mondo perfetto sarebbe una delle colonne sulle quali la Vuelle 2013-14 si dovrebbe basare, ma resta il problema che ancora non è chiaro se esisterà una Vuelle l’anno prossimo e non è un piccolo particolare.

 

IL DUELLO CHIAVE

Tarence Kinsey vs Pietro Aradori
Sfida tra due delle guardie più tecniche del campionato, l’americano (12,5 punti e 6,5 rimbalzi) si fa preferire per la varietà di conclusioni, mentre l’italiano (13,0 punti, 63% da 2) ha dalla sua una maggior fisicità.

 

UN PO’ DI NUMERI

Statistiche individuali
Andrea Crosariol terzo nella percentuale da due e nono nelle stoppate, Rok Stipcevic quinto nella percentuale ai liberi, Tarence Kinsey terzo nelle palle recuperate, Daniele Cavaliero decimo nelle palle perse,  Antwain Barbour quarto nei minuti giocati e settimo nelle palle recuperate.

Statistiche di squadra
Pesaro quarta nelle palle recuperate, quart’ultima nei punti realizzati e negli assist, penultima nella percentuale ai liberi, ultima nei rimbalzi totali ed offensivi, quinta nelle palle perse.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>