Claudia Clementi, la direttrice del carcere di Pesaro ora è anche al Dozza di Bologna

di 

16 marzo 2013

La direttrice della casa circondariale di Villa Fastiggi Claudia Clementi (a destra) con l'assessore comunale alle politiche sociali Gerardo Coraducci e Cesare Ceccolini, responsabile della mensa Caritas

La direttrice della casa circondariale di Villa Fastiggi Claudia Clementi (a destra) con l'assessore comunale alle politiche sociali Gerardo Coraducci e Cesare Ceccolini, responsabile della mensa Caritas, in una conferenza stampa a Pesaro

BOLOGNA – Direttore della casa circondariale di Pesaro e anche – per tre mesi – del carcere della Dozza di Bologna. Claudia Clementi è stata intervista dall’edizione bolognese di Repubblica, in un’articolo a firma Lorenza Pleuteri in cui ha rivelato che starà tre giorni nella struttura del centro felsineo e uno nella nostra città.

“Nelle carceri italiane ci sono più donne che uomini perché le donne fanno i concorsi e li vincono con merito – ha detto la Clementi – Questo lavoro è fatto di relazioni e di organizzazione e le donne forse sono più portate per entrambe”.

Poi, sul rapporto con personale e detenuti, la direttrice delle carceri di Pesaro e Bologna ha detto: “Mi piace il confronto, dalla diversità nascono i risultati più significativi. Certo, a volte in questo ambiente rapportarsi è difficile, ma è anche stimolante. I detenuti, comunque la pensino, hanno rispetto per il ruolo. Col personale non ho mai avuto particolari problemi. Cerco di coinvolgere tutti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>