Fano, mozione a sostegno delle cure palliative pediatriche

di 

18 marzo 2013

FANO – Una mozione a sostegno delle cure palliative pediatriche. La riceviamo da Luciano Benini con la precisazione che, in questo caso, c’è stata la specifica richiesta che venga firmata da tutti i consiglieri in modo che non abbia distinzioni politiche.

MOZIONE A SOSTEGNO DELLE CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE

Premesso

  • che la Legge 38/2010 “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore” prevede finalmente anche per l’Italia una legislazione sulle cure palliative;

  • che occorre riconoscere a tutti i bambini affetti da malattie croniche e inguaribili, e alle loro famiglie, il diritto di ricevere le cure palliative pediatriche, per garantire la migliore qualità di vita e di assistenza;

  • che le Istituzioni devono delineare una strategia affinché le cure palliative pediatriche diventino una priorità del sistema socio-sanitario regionale ritenendo, come destinatario delle cure, non solo il paziente pediatrico ma anche tutto il nucleo familiare;

  • che è necessario garantire a tutti i bambini affetti da malattie croniche e inguaribili, assistenza continua, specialistica e specifica per l’età pediatrica, identificando nella casa il luogo più idoneo alle cure;

  • che le Istituzioni si devono far carico di organizzare la rete di terapia del dolore e di cure palliative pediatriche secondo gli standard indicati nella Legge 38/2010 che sanciscono l’organizzazione di una rete dedicata;

  • che è necessario assicurare che tutti i bambini affetti da malattie croniche e inguaribili siano assistiti da una equipe multi-disciplinare dedicata, coordinata da medici con comprovata esperienza in cure palliative pediatriche e terapia del dolore;

  • che le Istituzioni, sulla base dell’intesa sottoscritta nella Conferenza Stato-Regioni del 25/7/2012, devono identificare come responsabili dell’equipe i medici in possesso di specifica formazione in terapia del dolore e cure palliative pediatriche, assegnando loro il compito di coordinare la rete utilizzando tutte le risorse presenti sul territorio;

  • che sulla base della stessa intesa le Istituzioni devono assicurare che l’equipe multi-disciplinare dedicata sia attiva 7 giorni su 7, 24 ore su 24, e garantire alle famiglie continuità e unicità di riferimento;

  • che occorre riconoscere a tutti i bambini affetti da malattie croniche e inguaribili il diritto di essere considerati persone con esigenze di natura psicologica, spirituale e sociale. Le Istituzioni devono impegnarsi a evitare l’isolamento di questi bambini, indipendentemente dall’età, dall’etnia, dalla religione e dalla patologia da cui sono affetti, garantendo l’accesso a scuole e asili e facilitando la loro piena integrazione sociale;

  • che le Istituzioni devono impegnarsi affinché le famiglie ricevano un adeguato sostegno di natura organizzativa, sociale, psicologica e spirituale, coinvolgendo attivamente tutti gli organismi pubblici e privati (enti, reti, associazioni, etc) presenti sul territorio;

il Consiglio comunale di Fano

  • chiede alla Giunta Regionale e al Consiglio Regionale di adoperarsi affinché venga resa operativa nella nostra Regione la Legge 38/2010 “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore” e in particolare affinché a tutti i bambini affetti da malattie croniche e inguaribili siano assicurate cure palliative pediatriche e terapia del dolore secondo i principi sopra enunciati, tenendo anche conto che a regime tale strategia consentirà anche significativi risparmi economici.

 


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>