Ferretti e Guiggi contro Hooker, “nemica” di Pesaro

di 

20 marzo 2013

PESARO – Non indiciamo il referendum, sarebbe troppo facile vincere. Ma la domanda la proponiamo ugualmente: se Carolina Costagrande è la giocatrice più amata dai tifosi pesaresi, qual è la più disprezzata? Non abbiamo alcun dubbio: Destinee Hooker!

Un attacco di Destinee Hooker in maglia Scavolini (Foto Fermino Fraternali per Robursport)

L’americana, arrivata a Pesaro per prendere il posto di Carolina, passata alla Dinamo Mosca, è sicuramente una delle più brave viste in azione in Italia. Di lei, però, con gli attacchi dal… terzo piano, ricordiamo solo il carattere indisponente, e ancor più la fuga a pochi giorni dalle Final Four di Champions League, a Istanbul. Era la prima volta della Scavolini Robur, il sogno di tanti, dallo sponsor ai dirigenti ai tifosi. Ma lei non esitò a partire, dimostrando scarso amor proprio. E rispetto per le compagne, comprese Francesca Ferretti e Martina Guiggi che stasera ritroverà da avversarie.

Forse siamo presuntuosi, ma ancora oggi rimaniamo convinti che con Hooker il trofeo sarebbe arrivato a Pesaro.

Hooker, però, tornò in America e la Scavolini affrontò le Final Four con la fiducia sotto i tacchi. In seguito arrivò, dopo tre scudetti consecutivi, l’eliminazione in gara 3 dei quarti di finale dei playoff per mano dell’Asystel Novara. Con l’americana non ci sarebbe stata partita, neppure per la Foppapedretti Bergamo, poi campione d’Italia.

La premessa per raccontare che c’è un motivo in più per tifare Rebecchi Nordmeccanica Piacenza. La squadra che ha appena vinto la Coppa Italia disputa stasera (ore 20,30, arbitri il polacco Piotr Dudek e il croato Milan Rajković) la gara di andata della finale di Challenge Cup; affronta le russe della Dinamo Krasnodar. Una signora squadra con le varie Helena Havelkova (opposto ceco, ex capitano di Busto Arsizio), Yulia Merkulova, la centrale di 2,02, il libero Svetlana Kryuchkova e soprattutto Destinee Hooker, che dopo avere fatto danni a Pesaro prima e in Brasile poi è approdata in Russia, dove offre saggi della grande classe. Non a caso, con tante campionesse, Krasnodar è giunta in finale concedendo solo due set alle avversarie nelle otto partite disputate e vinte. Piacenza non è da meno, perché ne ha perduti solo tre in altrettanti incontri.

Detto che la gara di ritorno è in programma domenica, alle ore 16,30, in Russia, chi volesse tifare Piacenza può seguire la sfida sulla preziosissima laola1.tv.

Un commento to “Ferretti e Guiggi contro Hooker, “nemica” di Pesaro”

  1. alessandro scrive:

    Purtroppo Ferretti e Guiggi non hanno potuto vendicarsi di Destinèe Hooker, che dopo un inizio incerto ha messo a terra ben 25 palloni, contribuendo al successo per 3 a 2 delle russe.Ora in Russia per lepiacentine si fa dura, ma non si mai….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>