Vis e Astrea, tanto rumore per nulla. O quasi

di 

24 marzo 2013

PESARO – Tanto rumore per nulla. O quasi. Nel senso che i due scontri diretti della giornata, in ottica playoff, hanno prodotto solo piccole scosse di assestamento: Vis e Astrea si annullano al Benelli, l’Ancona pareggia ancora con Cavallaro in Abruzzo, l’Agnonese perde sul campo della capolista San Cesareo. E proprio da San Cesareo, forse, è nata tatticamente la prestazione dell’Astrea sul campo della Vis. Perché? Perché l’Astrea è allenata da Giuseppe Ferazzoli, fratello del tecnico dei “Cesaroni” Fabrizio Ferazzoli battuto dai biancorossi 15 giorni fa.

Vis e Astrea durante il minuto di raccoglimento per ricordare il grande Pietro Mennea

Qualche indicazione, sicuramente, se la saranno scambiata. E così il solito 3-5-2 dei “ministeriali”, riveduto e corretto anche alla luce di alcune assenze, con le due linee molto ravvicinate e compatte tra difesa e mediana,  con Battisti (poi Pentassuglia) a schermo e un gioco offensivo basato sui lanci per il lungo Di Iorio e il trattore Gaeta,  ha fatto il resto. La Vis, chiariamo il concetto, ha faticato: prima di tutto non è riuscita a mantenere il ritmo alto, si è mossa poco senza palla, ha prodotto poco  gioco sulle corsie. In generale ha faticato a dare la necessaria continuità alla manovra e a supportare l’attacco con più uomini. Ma ha anche avuto fiammate, ha vissuto di alcune ottime iniziative personali e, ma solo a tratti, ha anche prodotto azioni corali capaci di impensierire la solidissima difesa a tre schierata dai laziali. Ridolfi, forse, ha risentito della mancanza del pressing di Alberto Torelli: Omiccioli, pur in costante crescita, va infatti ancora a strappi. Idem la difesa: senza Santini, reduce da un problema muscolare e preservato per la trasferta di Marino (si giocherà giovedì), Boinega si è spostato al centro con Paoli fornendo ottimi risultati ma sulle corsie, con Dominici dirottato a destra e Bianchi a sinistra, qualcosa si è inceppato. Dominici ha commesso una infinità di micro sbavature, Bianchi solo nel finale si è proposto con continuità anche in attacco. Di positivo c’è il fatto di aver tenuto a bada, di riffa o di raffa, il temibile attacco capitolino (zero gol subiti dopo i tre beccati a Termoli sono una bella controsterzata), di aver saputo ribattere colpo su colpo alle iniziative laziali e di aver concluso in attacco mostrando la giusta dose di tigna. E’ piaciuto per l’impegno Di Carlo, è piaciuto alla lunga Bugaro, sono piaciuti alcuni i lampi di Ridolfi.

Nessuno aveva mai detto che, da qui alla fine, sarebbe stato facile. Anzi. Ma mancano 6 partite alla fine, la Vis ne giocherà altre tre in casa e, tra derby e scontri diretti, ci sono ancora tutti gli ingredienti per poter sognare. Compreso il possibile ritorno di Alberto Torelli, forse fin dalla trasferta di Marino: la caviglia si è sgonfiata, il baby gioiello biancorosso uscendo oggi dagli spogliatoi ha ribadito che da lunedì riprenderà ad allenarsi. Potrebbe essere una soluzione in più.

Ora, in classifica, Vis e Astrea restano ancora due punti sotto i dorici ma si lasciano dietro, sempre di una lunghezza, L’Olympia Agnonese.

 

Per leggere la cronaca della partita minuto per minuto clicca qui.

 

I RISULTATI DI OGGI:

Amiternina-Ancona 1-1 (rig. Padalino, rig. Cavallaro)
Fidene-Città di Marino 1-1
Isernia-Celano 0-1
Recanatese-Civitanovese 1-4 (Galli, Biso, Covelli, Moriconi, Galli)
Sambenedettese-Termoli 1-1 (D’Angelo, 46′ st rig. Napolano)
San Cesareo-Olympia Agnonese 3-2 (Sivilla, Sabatino)
Vis Pesaro-Astrea 0-0

Giocate ieri:
Renato Curi Angolana-Jesina 1-1 (Pagliuca,Tafani)
San Nicolò-Maceratese 2-2 (16’p.t Romanski,33’p.t Troccoli (SN),46’p.t Orta,37’s.t Gabrieli (SN)

LA CLASSIFICA:


San Cesareo 60
Sambenedettese 56
Termoli 52
Maceratese 51
Ancona 46
Vis Pesaro 44
Astrea 44
Olympia Agnonese 43
Jesina 39
Fidene 35
Angolana 33
Amiternina 31
Civitanovese 32
Isernia 30
Celano 28
Recanatese 22
Città di Marino 19
San Nicolò 17

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>