Pasquetta nel nuovo porto, gita in area vietata

di 

1 aprile 2013

PESARO – Una statistica pubblicata giorni fa raccontava che l’Italia è il paese europeo dove meno si rispettano le regole. Non è un buon segnale per il futuro. Eppure siamo anche il paese – come hanno dimostrato le recenti elezioni – dove i più presi di mira sono i politici.

L'area del porto interessata dai lavori

Che farebbero gli affari loro, alla faccia degli onesti cittadini. Siamo davvero convinti che noi, al loro posto, ci comporteremmo meglio? C’è da dubitarne. Basta andare in strada per accorgersi che le regole sono ignorate, che si guida telefonando, che quando ci si avvicina alle strisce pedonali si accelera per passare prima dei pedoni, che il risso del semaforo esiste solo se ci sono altri, che alle rotatorie passa il più prepotente e non chi ha la precedenza. E stamattina ne abbiamo avuto l’ennesima conferma. I lavori per la realizzazione del nuovo porto sono ancora in corso e l’accesso al cantiere è consentito – giustamente – solo agli addetti ai lavori. Invece, a scavalcare la rete e le transenne sono stati in centinaia, per il gusto di fare un camminata in anteprima. Che aspettino gli altri, non noi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>