Pesaro, Comune virtuoso: in cassa 27 milioni di euro

di 

3 aprile 2013

PESARO – Presentato il Bilancio consuntivo del 2012. Stamane l’assessore competente Antonello Delle Noci ha tenuto in Comune a Pesaro il primo appuntamento dei quattro punti annunciati la scorsa settimana nell’ambito della conferenza del sindaco, sotto il titolo “Affrontare la crisi. Preparare il futuro”.

L'assessore Antonello Delle Noci stamane alla presentazione del Bilancio consuntivo 2012

L'assessore Antonello Delle Noci stamane alla presentazione del Bilancio consuntivo 2012

“Nonostante i tagli, il Comune di Pesaro è virtuoso – ha rivendicato Antonello Delle Noci ai microfoni di radio Incontro – Chiudiamo il 2012 con un avanzo di amministrazione di 6,5 milioni di euro, a cui vanno aggiunti 15 milioni precedenti. Complessivamente in cassa abbiamo 27 milioni di euro, in un periodo in cui il debito pubblico del Paese ha toccato la cifra record di 2.000 miliardi. Abbiamo estinto circa 4 milioni di debiti, arrivando a sfiorare negli ultimi 3 anni i 20 milioni. Questo significa che il Comune di Pesaro ha abbattuto il suo debito in un triennio del 30%, facendo passare il debito pro capite dei cittadini da 605 a 430 euro (e si consideri che quello Stato incide per 33.000 euro per ogni italiano)”.

La difesa del welfare. “Nel 2012 non abbiamo toccato le tariffe dei servizi né applicato l’Istat – ha continuato l’assessore – e anche nell’applicazione dell’Imu abbiamo aiutato i più deboli. Non abbiamo toccati le aliquote Irpef per i redditi fino a 28.000 euro, quindi per quattro contribuenti su cinque, mantenendo l’Imu al minimo. Col Fondo anticrisi di 100mila euro, a cui vanno aggiunti i 70mila dell’anno precedente, abbiamo aiutato 256 famiglie pesaresi a sopravvivere”.

Delle Noci ha parlato anche del recupero dell’evasione, accennando agli 810mila euro recuperi da chi non aveva pagato l’Ici. “Abbiamo effettuato all’Agenzia delle Entrate 95 segnalazioni qualificate, che se sommiamo ad altre 18 portano a una possibile evasione di 33 milioni di euro che, se dovessero essere recuperati, entrerebbero nel nostro Comune sotto forma di risorse”.

“Abbiamo rispettato il Patto stabilità – ha chiosato Delle Noci – che però non premia i virtuosi. Ecco che i 27 milioni di euro in cassa non possiamo toccarli per intervenire nelle strade. Abbiamo anche pagato i fornitori per 10 milioni 291mila euro, anticipando quanto deciso in questi giorni dal governo Monti”.

3 Commenti to “Pesaro, Comune virtuoso: in cassa 27 milioni di euro”

  1. Matteo scrive:

    VIRTUOSISMO DI ‘STA M… !!!!
    Facile fare lo splendido con i soldi dei cittadini , vero ADN ?

    • Gianni scrive:

      madonna che gente porina che esiste in giro
      Hai proprio ragione, un comune non deve andare avanti con i soldi dei cittadini
      ahahaha

  2. Matteo scrive:

    Devi dare qualcosa ai cittadini in cambio però bellezza …
    Va là che c’è Gianni che paga !

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>