Vertizzontale 2.0 conclude la stagione teatrale di San Costanzo

di 

4 aprile 2013

ventizzontale 2.0

PESARO – Si conclude la rassegna Scenaridens, organizzata dalla Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino e nata dalla collaborazione tra Provincia, Amat e Comune di San Costanzo. Sabato 6 aprile (ore 21.15), sul palco del Teatro della Concordia arriva Manolo Magnabosco con Vertizzontale 2.0. Presente Ingiustificato, un monologo, comico e surreale.

Il “tremendissimo” Magnabosco ci invita a riflettere su un paradosso: ma se ci rendessimo conto che parliamo, pensiamo, comunichiamo praticamente… sul nulla? Uno spettacolo basato sul funambolismo linguistico che non lascia un istante di tregua allo spettatore e per il quale la qualifica di acrobatico non si spreca di certo. “Come un cannibale polemico che mette bocca ovunque, cammino a più non passo sul filo ipotalamico, e scopro che c’è del marcio in chi cammina a posso sostenuto verso la Danimarca… Non so stare in palcoscenico o non sostare in palcoscenico?”

Vertizzontale è un appuntamento Ma®che ridere. La comicità made in Marche: una sorta di rassegna dentro la rassegna, visto che dei sei spettacoli presentati nella stagione 2012-13 di Scenaridens, ben quattro sono a firma di attori/autori che sono nati, vivono o lavorano nelle Marche.

Manolo Magnabosco – come lui stesso ci ricorda – è multidisciplinarmente attivo passivo riflessivo dal 1990. Dal 2004 l’autore-attore – che vive a Fano – ha scritto cinque manologhi, tutti replicati con successo nei più eterogenei contesti culturali e teatrali: la patafisica e surreale fiaba adulta Al paese dei lapsuslazzuli (2005-2006); lo scatologico Lanatema del gomattolo (folle magliedizione) (2006 – 2009); è del 2010 il debutto di Vertizzontale (gocce che fanno traboccare il caso), suo terzo manologo in cui radicalizza le coordinate del suo tracciato teatrico fatto di patafisica e surrealtà: la tentacolarità e la supersonicità del pensiero, lo sfondamento, la moltiplicazione e l’anamorfosi del senso, l’assalto inesausto alla logica, alla razionalità, alla realtà e al linguaggio e lo scontro frontale con l’Impossibile vengono qui portati a picchi di vertigine estrema e di stralunata e irresistibile comicità. Mentre Vertizzontale viene presentato in extended version tra festival, teatri, circoli culturali, Magnabosco interviene nel corso della maratona Bios-Logos con l’inedito Grave situazione: aperto fino a tardi e partecipa alla dodicesima Festa di fine caccia dell’associazione ambientalista Lupus in fabula con l’intervento Mi scappa la caccia; dalla fusione di questi due mediomanologhi prende vita lo spassoso spettacolo-conferenza Erba volant? Mucca gaudent!, che debutta nel 2011 con grandissimo successo alla quinta edizione dell’Artika Festival. Sempre del 2011 il debutto dell’esplosivo Vertizzontale 2.0 – Presente Ingiustificato, rodato in forma embrionale alla galleria d’arte G8.

Anche per l’ultimo appuntamento con Scenaridens, dalle ore 20.00, nel foyer del Teatro della Concordia, verrà organizzato un Aperitivo a Km 0, a cura dei ristoratori e bar di San Costanzo. Il costo della degustazione è di € 5.00. Sempre nel foyer grazie a Confartigianato, si potranno, inoltre, ammirare straordinari manufatti della nostra provincia.

 

I BIGLIETTI POTRANNO ESSERE ACQUISTATI:

– in prevendita con la maggiorazione di € 1.00):

biglietteria Amat, via Rossini, 41 – Pesaro (presso in.PU.t), tel. 3292516751

orari: martedì e giovedì 10.00-13.00; mercoledì, venerdì, sabato e domenica 10.00-13.00 e 16.00 –19.00. Chiuso il lunedì

biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre, 1, Fano, tel. 0721 800750

orari: tutti i giorni (escluso i festivi) 17.30-19.30; mercoledì e sabato anche 10.30-12.30

– il giorno stesso dello spettacolo

Biglietteria Teatro della Concordia – San Costanzo dalle ore 17.00, tel. 0721 950124

INFO:

Amat – Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino

tel. 0721 – 3592515 cell. 366 6305500 reteteatripu@amat.marche.it, www.amat.marche.it

Facebook Rete Teatrale PesaroUrbino Amat Twitter Rete Teatro Amat PU

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>