Vis, col Fidene il ko (di rigore) che non t’aspetti

di 

14 aprile 2013

FIDENE – VIS PESARO 2-0
FIDENE
(5-3-2): Prisco; Loreti, Macellari, Prevete, Martorelli, Bassini; Di Ventura, Pignalberi, Lo Pinto (7’ st Sansotta); De Marco (28’ st Di Giovanni), Sorrentino (35’ st Fusaroli). A disp. Mangerini, Franza, Scippa, Selva. All. Chiappara 7
VIS PESARO (4-4-2): Foiera; Boinega, Paoli, Santini, Dominici; Rossini, Omiccioli (4’ st Pezzullo), Bianchi, Bugaro; Di Carlo (24’ st G. Torelli), Cremona (34’ st Vicini). A disp. Mumuni, Tonucci, Pangrazi, A. Torelli. All. Magi
ARBITRO: Robilotta di Sala Consilina
RETI: 28’ pt (rig.) e 39’ st (rig.) Prevete
NOTE: giornata estiva (27 gradi) anche se ventosa, terreno di gioco in sintetico, spettatori 300 circa; ammoniti Prisco, Macellari, Martorelli, Sorrentino, Sansotta, Boinega, Cremona; angoli 5-4, recuperi 1+4

 

L'entrata di Ciaramitaro su Giorgio Torelli

Giorgio Torelli in una partita interna

ROMA – Capitombolo Vis Pesaro. I ragazzi di mister Magi perdono – e male – a casa di un Fidene ricolmo di under (ben 7 su 11) per via di diverse assenze (out Emiliano Dominici, Raso, Petricca, Palermo e De Angelis, con Selva in panchina solo per onor di firma). I rossiniani, che hanno sofferto maledettamente la squalifica di Ridolfi, hanno faticato a scardinare l’affollatissima difesa dei capitolini che hanno impostato una partita di contenimento e ripartenze, mostrando quell’ardore e quella vis pugnandi propri delle squadre che si devono salvare.

Sul taccuino della prima fase, scarno come pochi, un’occasionissima per Di Carlo al minuto 22, con l’under della Vis che non ha centrato la porta su una sorta di rigore in movimento scaturito da un servizio di Cremona. Al 28′ l’episodio che ha spaccato la partita a favore del Fidene s’è materializzato nel contatto Boinega-Sorrentino giudicato falloso. Dal dischetto l’ottimo Prevete ha fatto 1-0.

Nella ripresa Magi ha cambiato uomini e moduli ricevendone scarsi risultati, tant’è che mai il portiere avversario s’è dovuto esibire in interventi decisivi. Prisco ha rischiato grosso solamente su un paio di calci piazzati (di Bugaro e Paoli) tra l’altro deviati. Di contro i romani si sono fatti vedere più volte in ripartenza, in un match chiuso a una manciata di minuti dalla fine dal secondo rigore di giornata, causato ancora da un intervento falloso di Boinega (nell’occasione espulso). Prevete ha cambiato angolo, stavolta battendo alla destra di Foiera, e ha fatto 2-0.

Vittoria meritata del Fidene contro una Vis irriconoscibile. E adesso la corsa playoff, caso Bellucci a parte, s’è maledettamente complicata. Anche perché domenica al Benelli arriva la Samb per un derby in cui mancherà, oltre a Boinega, anche Cremona per raggiunto limite di ammonizioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>