Urbino Press Award, a Washington spot per il territorio

di 

19 aprile 2013

Urbino Press Awards 2013: Wolf Blitzer della CNN è il vincitore

Urbino Press Awards 2013: Wolf Blitzer della CNN è il vincitore

WASHINGTON (Stati Uniti) – “Sono contentissimo di ricevere questo riconoscimento. Conosco Urbino e la sua storia, conosco la grande caratura dei vincitori che mi hanno preceduto e sono profondamente grato per questo onore”. Queste sono state le parole di Wolf Blitzer, il volto più noto della CNN che giovedì sera, davanti a oltre 300 persone,  è stato indicato ufficialmente come il vincitore della edizione 2013 del Premio “Urbino Press Award”.  Alla serata nella sede dell’ambasciata d’Italia a Washington DC c’erano i giornalisti delle maggiori testate USA, molti esponenti del mondo economico e imprenditoriale, oltre a numerosi rappresentanti delle istituzioni.

Dopo l’introduzione in inglese del segretario del Premio, Gabriele Cavalera, la proiezione  del video nel quale i precedenti vincitori illustravano la città e le Marche, è intervenuto  l’Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti, Claudio Bisogniero, il quale ha sottolineato l’importanza  del Premio di Urbino nell’anno in cui si celebra la Cultura Italiana negli USA. L’appuntamento culturale dedicato all’eccellenza del giornalismo americano, giunto all’ottava edizione, a Washington è ormai una realtà conosciuta e apprezzata.

Prendendo la parola dopo l’Ambasciatore, Wolf Blitzer ha dedicato il Premio alla rete televisiva per cui lavora: “Io non sarei qui se non fosse per la CNN e per l’aiuto dei colleghi. Mi alzo la mattina col desiderio di fare questo lavoro, la sera vado a letto sapendo di aver imparato qualcosa di nuovo. Devo tutto ha una rete televisiva che, grazie alla “visione” di Ted Turner, ha introdotto un modello di informazione 24 ore su 24, sette giorni la settimana. Un modello oggi imitato in tutto il mondo”.

Urbino Press Awards 2013: Wolf Blitzer applaudito da Varotti e Lani

Urbino Press Awards 2013: Wolf Blitzer applaudito da Varotti e Lani

La serata in ambasciata è andata avanti con il concerto del campione del mondo di fisarmonica Danilo Di Paolonicola e la soprano Francesca Carli, che hanno proposto le più famose arie italiane. Il vino delle Marche, il tartufo di Acqualagna preparato dagli chef Alberto Melagrana e Samuele Ferri hanno completato l’atmosfera di grande coinvolgimento. La delegazione marchigiana presente negli USA era composta dal presidente del Premio Giovanni Lani, dall’assessore provinciale  al Turismo Renato Claudio Minardi, da Amerigo Varotti e Gisella Bianchi, rispettivamente vicepresidente e direttore di Aspin 2000, l’Azienda Speciale per l’internazionalizzazione della Camera di Commercio di Pesaro e Urbino. Il Comune di Urbino era rappresentato da Gabriele Cavalera. Presenti anche Henry Adamo, presidente del Consiglio Comunale di Castelfidardo e Vincenzo Canali, Presidente del Museo Internazionale delle Fisarmonica di Castelfidardo: la città ha dato il via in America alle celebrazioni per i 150 anni della produzione della fisarmonica.

Chiusa la parte statunitense, con il suo alto valore promozionale per le Marche, Urbino e il territorio, ora si guarda al prossimo 20 giugno quando è stata fissata la cerimonia di reale conferimento del Premio a Wolf Blitzer. Il tutto si svolgerà nel Salone del Trono del Palazzo Ducale.

L’Urbino Press Award è sostenuto dal Comune di Urbino, dalla Provincia di Pesaro e Urbino, dalla Regione Marche, dalla Camera di Commercio di Pesaro e Urbino, da Banca Marche, dal Legato Albani e da Piero Guidi, con la partecipazione degli sponsor Collesi e Cucine Pedini.

Urbino Press Awards 2013: la nostra delegazione a Washington col vincitore del Premio Wolf Blitzer (CNN)

Urbino Press Awards 2013: la nostra delegazione a Washington col vincitore del Premio Wolf Blitzer (CNN)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>