Barco Ducale di Urbania, presentato il bando per la gestione della struttura

di 

24 aprile 2013

La conferenza stampa Barco Ducale di Urbania col sindaco Giuseppe Lucarini

La conferenza stampa Barco Ducale di Urbania col sindaco Giuseppe Lucarini

URBANIA – Dopo lunghi ed importanti lavori di restauro e recupero funzionale, che hanno visto nel corso di 20 anni cospicui stanziamenti da parte dello Stato (3 milioni e 400mila euro per la ricostruzione dopo il terremoto del ’97), della Regione Marche, della Provincia di Pesaro e Urbino e del Comune di Urbania, per il Barco Ducale si cercano ora soggetti “illuminati” e con spirito imprenditoriale che si occupino della gestione. Il bando pubblico, con scadenza 10 ottobre, è stato presentato in Provincia dal sindaco di Urbania Giuseppe Lucarini, dal vicesindaco Frederic Briaud, dall’assessore provinciale alla Cultura Davide Rossi, dall’architetto Paola Mazzotti (dirigente settore “Recupero beni culturali” Regione Marche), dall’ingegnere Paolo Talozzi (progettista e direttore lavori) e dal grafico Dante Saudelli, realizzatore del sito www.barcourbania.it creato proprio in funzione del bando.

“Oltre ad essere una testimonianza storica della città – ha spiegato il sindaco di Urbania Giuseppe Lucarini – il Barco rappresenta un’opportunità di sviluppo per tutto il territorio, che va ben giocata. Ha un’estensione di 2.400 metri quadrati su 2 piani, 25 posti letto, una cantina sotterranea, una chiesa, un refettorio, numerosi piccoli locali. E’ inserito in un parco ed è dotato di strutture per lo sport ed il tempo libero come piscina, tennis, bar e ristoro, percorsi pedonali e ciclabili, sentieri. Proprio per il valore straordinario di questo bene abbiamo indetto una gara ad evidenza pubblica per la concessione, che durerà 15 anni, rinnovabili per altri 5. Le proposte potranno riguardare una vasta gamma di attività: dalla cultura al turismo, dalle produzioni tipiche agroalimentari alla formazione e dovranno comunque integrarsi con il contesto socio-ambientale del luogo. Sono dunque escluse attività esclusivamente commerciali o produttive, locali notturni, sale giochi e tutto quello che non è compatibile con l’attività istituzionale del Comune”.

“La Provincia – ha detto l’assessore Davide Rossi – ha stanziato per il Barco Ducale 48mila euro ed è stato uno degli ultimi finanziamenti che abbiamo potuto effettuare nell’ambito del progetto Centoborghi, che mirava proprio a valorizzare l’immenso patrimonio esistente nel territorio provinciale. Mi complimento con il Comune per l’intenso lavoro di ricerca fondi fatto in questi anni, che ha portato ottimi risultati, ed anche per aver saputo, fin dalla ristrutturazione, che tipo di gestione portare avanti. Un esempio di ottima amministrazione ed un grazie va anche alla Regione che non ha fatto mancare il suo sostegno”.

Tra gli ultimi stanziamenti della Regione Marche, ci sono infatti ben 260mila euro, di cui 200mila rientranti nel progetto di eccellenza “Marche di Charme” (per lo sviluppo e promozione dell’offerta turistica).

“Il Barco – ha detto la dirigente della Regione Paola Mazzotti – è una struttura che può aprirsi ad una gamma di utilizzi. La gestione può essere dunque polifunzionale. Nell’ambito degli interventi per il terremoto, il Barco ha rappresentato un esempio di buona amministrazione, visto che negli interventi di restauro sono state seguite alla perfezione le direttive regionali. Oltre alla riparazione del danno e all’adeguamento sismico è stato possibile anche il recupero funzionale. Ora il cerchio si chiude con questo bando per la gestione”.

Possono presentare domanda di partecipazione alla gara persone fisiche, ditte individuali, società di persone, società di capitali, cooperative, enti privati. Il bando è pubblicato all’Albo pretorio del Comune di Urbania, sul sito internet www.comune.urbania.ps.it. Ulteriori info sul sito www.barcourbania.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>