Arena caldissima, c’è la Coppa del Mondo di ginnastica

di 

25 aprile 2013

PESARO – Le migliori ginnaste del mondo pronte a esibirsi a Pesaro. Da domani, venerdì 26 aprile, a domenica 28 aprile nella splendida cornice dell’Adriatic Arena si svolgerà la Coppa del Mondo di Ginnastica Ritmica. Ben 39 nazionali per oltre 275 ginnaste in pedana. Un evento che ormai vive un legame fortissimo con Pesaro e la sua comunità, dato che il 2013 sarò il quinto anno consecutivo che la Coppa del Mondo farà tappa in Città. La base di partenza sono le 3.400 presenze alberghiere e i 6 mila spettatori dell’anno scorso.

Febbo alla palla

Ma l’auspicio di quest’anno è quello di superare quei numeri. Tifando ovviamente per le farfalle azzurre allenate dall’allenatrice responsabile della Nazionale Emanuela Maccarani. (Gara a squadre: Camilla Bini, Chiara Ianni, Marta Pagnini, Camilla Patriarca, Andreea Stefanescu e la “riserva” Valeria schiavi. Gara individuale: Federica Febbo, Veronica Bertolini e le “riserve” Alessia Russo e Giulia Di Luca).

“Con la gara di Coppa del Mondo di Pesaro si apre un nuovo ciclo per la nazionale italiana della ginnastica ritmica: nuove ginnaste, della squadra bronzo alle Olimpiadi di Londra sono rimaste solo due ragazze (Pagnini e Stefanescu ndr) e nuovi esercizi – commenta l’allenatrice Maccarani – Nuove anche le qualità fisiche che posso tranquillamente dire essere migliorate rispetto alla precedente squadra. Le doti che determinano la plasticità delle ginnaste e che dunque aumentano la qualità, sono aumentate dell’80% in questa nazionale. E devo riconoscere che dalle società sportive sparse nel territorio arrivano ginnaste più preparate e pronte. Penso all’esordiente Camilla Bini dell’Aurora Fano. La ragazza fanese può fare davvero bene: la ginnastica ritmica è uno sport fatto d’estetica e lei è una ginnasta esteticamente bellissima che durante gli esercizi riesce a mettersi in evidenza”.

“Quella che si presenta a Pesaro è una squadra molto motivata che ha raccolto un’eredità pesante ma che ha la volontà di mantenere il prestigio delle farfalle azzurre: ora però devono maturare la giusta esperienza e acquisire gli automatismi necessari per svolgere al meglio l’esercizio – continua l’allenatrice Maccarani – A Pesaro si apre un nuovo quadriennio quindi l’obiettivo guarda più a lungo termine ovvero alla qualificazioni del 2015, ma in ogni gara bisogna portare a casa il risultato perché è così che un gruppo acquisisce autostima e sicurezza dei propri mezzi. A Pesaro vogliamo fare il massimo tenendo conto che anche le nostre rivali sono migliorate, penso alla Bielorussia, alla Bulgaria e all’Ucraina”.

“Pesaro sta diventando una delle tappe più prestigiose a livello internazionale del circuito della Coppa del Mondo – conclude l’allenatrice Maccarani – Una gara che piace a tutti e a cui le migliori ginnaste non vogliono mancare: si respira l’aria dei Campionati del Mondo. L’organizzazione è prestigiosa e la cornice offerta dall’Adriatic Arena è davvero splendida. Il mare, la bella stagione e la gradevolezza della Città arricchiscono il quadro rendendolo davvero speciale”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>