Accoltellamento a Urbino, spunta una testimone

di 

26 aprile 2013

Il luogo dove è stato trovato l'uomo riverso a terra

Il luogo dove è stato trovato l'uomo riverso a terra

di Francesco Pierucci

URBINO – Nella nottata di ieri, mentre erano in corso i festeggiamenti del 25 aprile in concomitanza con quelli del giovedì universitario, un 54enne, incensurato, è stato trovato sanguinante alle 3.30 nelle scalette che portano al testro Sanzio.

L’aggredito, senza fissa dimora in Italia (sovente ospitato da amici), è impiegato in Svizzera come domestico. Molto probabilmente è stato aggredito con arma da taglio nelle vicinanze del teatro e  mentre percorreva la scalinata è caduto arrecandosi ferite nel corpo, specialmente nella parte inferiore. Si trova ora ricoverato presso l’ospedale civile di Urbino in prognosi riservata e non dovrebbe essere in pericolo di vita.

Il commissario Andrea Massimo Zeloni ha riferito che il personale della Polizia si trovava in città per i normali controlli rinforzati del giovedì e sono subito intervenuti, nel frattempo alcuni residenti nella zona delle scalette avevano provveduto ad avvisare le forze dell’ordine e il 118.

Riferisce, la signora che vive proprio dove l’uomo è stato trovato riverso a terra; di aver udito dei rumori e spaventata (visto che è reduce da due infarti), ha seguito la vicenda dalla finestra, dopo aver chiamato i soccorsi. L’anziana, che prefrisce rimanare anonima dichiara: “Ho sentito dei rumori, chiamare aiuto…”, lamenta inoltre: ” È uno schifo, in passato ho trovato anche delle siringhe, c’è gente ubriaca e a volte drogata e non occasionalmente delle coppie vengono qua per appartarsi, per lo più ragazzini… c’è d’aver paura”.

Macchie di sangue sui sampietrini

Macchie di sangue sui sampietrini

L’uomo è stato trovato con i pantaloni abbassati. Purtroppo – riferisce Zaloni – non è stato possibile ricostruire precisamente l’accaduto né raccogliere testimonianza dall’uomo perché sotto sedativi somministrati dagli operatori della Croce Rossa. Nemmeno è possibile sapere ora se fosse sotto effetto di droghe o in stato di ebbrezza”.

Il commissario lancia un’appello: “Se qualcuno avesse visto o sentito qualcosa è pregato di informarci”. In questi casi tutto potrebbe essere utile. Si esclude, vista l’età, che l’episodio si possa ricondurre ai festeggiamenti del giovedì universitario.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>