L’ultima trasferta della Vuelle nella tana della prima

di 

26 aprile 2013

PESARO – Ultima trasferta stagionale per la Scavolini Banca Marche impegnata domenica sera sul campo della capolista Cimberio Varese. Si giocherà alle ore 20 per la decisione della Legabasket di far disputare gli ultimi due turni in contemporanea per garantire la regolarità del campionato, scelta quantomeno singolare, presa quando già si conosceva la squadra retrocessa e con l’ultimo posto utile per i playoff saldamente in mano a Venezia, anche per il primo posto le cose sono ormai fatte con Varese che anche perdendo entrambe le partite, sarebbe superata da Sassari solamente se le perdesse con 60 punti di scarto complessivi, ipotesi quantomeno fantasiosa. Così gli unici posti da assegnare sono quelli dal terzo al settimo per le squadre già sicure dei playoff e c’è il pericolo che i conti verranno fatti alla rovescia, perché un sesto posto che ti può far incrociare Roma è più ambito di un quinto che ti potrebbe mettere di fronte Milano o Siena.

In mezzo a tutti questi calcoli gli unici a rimetterci saranno gli amanti della pallacanestro che non potranno assistere alla diretta televisiva delle trasferte della loro squadra del cuore, infatti nel contratto stipulato dalla Rai con la Lega c’è la clausola che impedisce le dirette da parte delle emittenti locali in caso di concomitanza di orario e così domenica sera mentre l’emittente di Stato trasmetterà il big match della giornata tra Cantù e Milano, gli aficionados pesaresi dovranno accontentarsi della cara e vecchia radio, un autogol di notevoli dimensioni in questa era di villaggio globale.

Chi si aspettava che Varese fosse una meteora destinata a scomparire con il passare del tempo, si è dovuto ricredere perché la formazione allenata da Vitucci ha preso il comando del gruppo fin dalla prima partita per non mollarlo più, in casa è un rullo compressore con una sola sconfitta subita per opera dell’Umana Venezia e anche in trasferta ha saputo vincere match importanti che ne fanno obbligatoriamente una delle favorite per lo scudetto.

La partita di Varese è l’ultima di un trittico lombardo che non ha portato molta fortuna alla Vuelle, pesantemente sconfitta nelle precedenti trasferte di Cantù e Milano, la differenza tecnica e fisica tra le due formazioni è notevole, ma quando i due punti in palio non sono fondamentali, può succedere di tutto.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

CIMBERIO VARESE (44 PUNTI) – SCAVOLINI BANCA MARCHE (20 PUNTI)
Domenica 28 aprile – ore 20.00 – PalaMasnago di Varese
Niente diretta televisiva – radiocronaca su RadioCittà (101.3 FM)
Risultato dell’andata: Pesaro – Varese 69-82

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Non vinci 22 incontri su 28 se non hai a disposizione un roster lungo e ben amalgamato, con qualche stella e una panchina profonda che ti permette di non far calare l’intensità sul parquet. Varese è riuscita a costruire una squadra con pochi punti deboli, un allenatore serio e preparato come Francesco Vitucci e la tranquillità di chi sa di non essere partita da favorita, ma consapevole di poter riuscire nell’impresa.

Il playmaker titolare è Mike Green, buon passatore con parecchi punti nelle mani anche se non è propriamente un tiratore, Adrian Banks e Ebi Ere formano una coppia di esterni di assoluto valore in grado di far male alle difese avversarie con una vasta gamma di soluzioni offensive, in attesa del pieno recupero di Achille Polonara, fermo ai box per infortunio,  si è conquistato lo starting five nello spot di ala piccola Dusan Sakota, vecchia conoscenza della Vuelle, micidiale tiratore dai sette metri con il tiro stilisticamente più bello dell’intero campionato, ma è sotto i tabelloni che Varese ha pescato il pivot in grado di spostare gli equilibri: Bryant Dunston si sta dimostrando un vero animale dell’area colorata, con una potenza fisica devastante (miglior stoppatore) e una mano più delicata del previsto (73% ai liberi).

Contro Pesaro debutterà l’ultimo arrivato Dejan Ivanov, vecchia conoscenza del campionato italiano, ingaggiato per rinforzare il reparto lunghi in vista dei playoff, come play di riserva sta disputando un bel campionato Andrea De Nicolao, classe’91, che gioca con la sicurezza di un veterano, lo svedese Eric Rush si rende utile come arma tattica con il suo tiro piazzato, mentre il lettone Talts potrebbe essere sacrificato nelle rotazioni degli stranieri, qualche minuto anche per l’oriundo Bruno Cerella.

 

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

E’ cominciata ufficialmente la fase due della salvezza per la Scavolini Banca Marche. Dopo quella sofferta conquistata sul campo, adesso si dovrà cercare la seconda salvezza, quella economica, con i tanti problemi che stanno venendo fuori in questo finale di stagione, la prima scadenza ufficiale è quella del 16 maggio, data nella quale si dovranno saldare tutte le pendenze fiscali (contributi, stipendi e pagamenti vari a fornitori). Dall’ultima riunione tra Consorzio e autorità locali non sono arrivate notizie rassicuranti, con pagamenti promessi che tardano ad arrivare, costringendo i vertici societari biancorossi ad intervenire in prima persona per scongiurare ritardi nei versamenti, che costerebbero punti di penalizzazione da scontare nel prossimi campionato. Una volta superato questo primo scoglio, speriamo senza brutte sorprese, si dovranno cercare risorse nuove per iniziare a programmare la prossima stagione e si stanno contattando aziende esperte di marketing sportivo per ampliare a 360 gradi la ricerca su tutto il territorio nazionale. Non sarà semplice, anche perché non esistono più imprenditori che possono decidere liberamente come investire i loro soldi, con tutte le decisioni ormai che devono passare per i vari consigli d’amministrazione che hanno l’ultima parola sulla gestione economica, il basket sta vivendo un periodo molto difficile e Pesaro non fa eccezione, nonostante i 4000 fedelissimi che non hanno mai abbandonato la Vuelle, prepariamoci a conquistare anche questa seconda salvezza, consapevoli che ci sarà da soffrire fino all’ultimo giorno.

 

IL DUELLO CHIAVE

Andrea Crosariol vs Bryant Dunston
Il pivot pesarese (10 punti e 6 rimbalzi) è in un buon momento di forma, ma davanti a sé si troverà il miglior pivot del campionato, Dunston (15.3 punti e 7.7 rimbalzi) è una delle chiavi del grande campionato varesino.

 

UN PO’ DI NUMERI

Statistiche individuali
Rok Stipcevic settimo nella percentuale dalla lunetta, Antwain Barbour quinto nelle palle recuperate e nei minuti giocati, Lamont Mack decimo nella percentuale da tre punti, Andrea Crosariol secondo nella percentuale da due e quarto nelle stoppate.

Statistiche individuali
Pesaro terza nelle palle recuperate, penultima nei rimbalzi totali, negli assist e nella percentuale ai liberi, ultima nei rimbalzi offensivi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>