Riapre la Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo

di 

26 aprile 2013

L'abbraccio di Bonini e Pavinato (foto Rosetta Berardi)

L'abbraccio di Bonini e Pavinato (foto Rosetta Berardi)

FOSSOMBRONE – Riapre il primo maggio La Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo (Fossombrone) con una giornata-festival. Musica, poesia, mostre d’arte, ma anche impegno civile ed ecologico.

Alle 12 Riccardo Picciafuoco del Forum Paesaggio Marche esporrà la bella vittoria dei cittadini marchigiani nella raccolta delle firme per una legge d’iniziativa popolare, sulla tutela del nostro Paesaggio, che ha raggiunto quasi 9.000 firme (ne bastavano 5.000). Subito dopo, il gruppo Pelican Milk con Massimo Manzi (miglior batterista jazz 2012) e il musicista Alex Savelli presentano il loro ultimo album, che hanno voluto dedicare a “La Casa degli Artisti”, seguirà il duo Vincenzetti &Toccaceli . Dopo il pranzo, il l’affabulatore dei boschi Andrea Fazi racconterà gli alberi, maestri di vita. Per “Lieviti e Poesie” Simona di “Pane Nostrum” regalerà e spiegherà la magia del lievito-madre, mentre la poetessa Franca Mancinelli leggerà dei brani dal suo ultimo libro: “Pasta Madre” (Aragno editore). Tutto sui “Segreti e storie popolari delle Marche” (Newton Compton)verranno illustrati dallo storico Antonio De Signoribus, intervistato da Sara Bracci. Si aprono due mostre di fotografia, che rimarranno visibili fino al 22 settembre, “Tribale/Digitale” di Tito Gargamelli e “Supernatura” di Giufo. Ma nella coorte di sant’Anna del Furlo si potranno anche vedere due mostre di ceramica, giocare alla Pesca e vedere Video d’arte, passeggiare tra le opere di Land Art del Furlo. (costo: 10 euro, tessera d’iscrizione, e 5 un contributo per il pranzo. Info: casartisti@gmail.com).

Il programma 2013 della Casa degli Artisti proseguirà con l’amato appuntamento de “La notte del Gufo”, torna, il 27 luglio “La Zattera dei Poeti”, mentre la IV edizione della Land Art al Furlo si terrà dal 24 agosto al 22 settembre. L’attività culturale della Casa degli Artisti, dopo il Premio Metauro, è stata riconosciuta anche dall’Università di Urbino: alla facoltà di “Conservazione e Restauro dei Beni Culturali” la neolaureata Lorenza Bagnarelli ha infatti discusso qualche giorno fa la tesi sul “Parco-Museo di Sant’Anna del Furlo”, lei ha preso 110 e lode e noi ne siamo onorati e felici. Grazie.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>