Scavo, sconfitta dolce contro la capolista Varese

di 

28 aprile 2013

CIMBERIO VARESE – SCAVOLINI BANCA MARCHE PESARO 85-70

Cimberio Varese: Sakota 22, Banks 11, Rush 4, De Nicolao 5, Green M. 14, Balanzoni 0, Bertoglio 0, Cerella 2, Ere 11, Dunston 13, Ivanov 3. All. Vitucci

Scavolini Banca Marche Pesaro: Traini 5, Cavaliero 2, Stipcevic 15, Barbour 16, Thomas 8, Crosariol 14, Tortù ne, Mack 7, Bryan 3, Amici 0. All. Markovski

Arbitri: Paternicò, Bettini, Quacci

Parziali: 15-19, 27-22, 18-16, 25-13

 

Andrea Traini. Foto Fraternale Meloni

Niente da fare per la Scavolini Banca Marche che regge sul campo della capolista per trenta minuti, prima di crollare nell’ultimo quarto sotto le triple di Sakota e le schiacciate di Dunston, Varese con questa vittoria si aggiudica meritatamente il primo posto in classifica, mentre Pesaro ha dimostrato di essere comunque in un buon momento di forma e si appresta a salutare il suo pubblico domenica prossima per l’ultima partita stagionale contro Avellino.

Pesaro presenta in quintetto Sylvere Bryan al posto di un Crosariol con qualche problema fisico, parte forte Varese con Dunston e Sakota e dopo un paio di minuti Markovski toglie uno spaesato Mack dal parquet inserendo Amici. La Vuelle di affida alle triple di Barbour e al 4’ conduce 6 a 4 grazie ad una difesa attenta sulle penetrazioni avversarie, Stipcevic dalla sua mattonella centra la tripla del più cinque biancorosso con la capolista che fatica a trovare conclusioni pulite, entra anche Traini al posto di Cavaliero e Varese approfitta del bonus dei falli già esaurito dai biancorossi, per accorciare dalla lunetta in un inizio di partita nel quale le due formazioni faticano a trovare la via del canestro, due liberi di Banks riportano in parità la Cimberio sul 9 pari, con la Vuelle che deve ancora segnare il suo primo canestro da due, Traini colpisce da tre per il 14 a 10 con Markovski che si affida al doppio play inserendo anche Thomas, esce Bryan, che ha sofferto tantissimo nella marcatura di Dunston, per Crosariol che fa il suo debutto nella serata e un primo quarto giocato discretamente, si chiude con gli ospiti avanti per 19 a 15.

La seconda frazione si apre con una bella schiacciata di Crosariol imbeccato da Thomas che trova il modo di segnare anche in entrata per il 23 a 17 pesarese, il piccolo play pesarese sembra in buona serata centrando anche la tripla del massimo vantaggio (26-19 al 13’) con Varese che fatica parecchio a trovare tiri puliti per l’attenta difesa pesarese, la terza tripla di Barbour porta a più otto (29-21) la Vuelle, ma due triple consecutive di Sakota dai sette metri rimettono tutto in discussione con Varese che in un amen si riavvicina fino al meno due (31-29 al 17’), Mack e Cavaliero non sembrano in una grandissima serata con il triestino ancora a quota zero punti e al 18’ Varese riagguanta la parità a quota 33, Crosariol sembra reattivo e concretizza due azioni da tre punti per il 39 a 36 e un secondo quarto giocato senza timore dagli uomini di Markovski si conclude con la Cimberio avanti per 42 a 41.

Le statistiche di metà partita evidenziano il dominio varesino a rimbalzo (25 a 17) e le buone prestazioni di Barbour (13 punti) e Crosariol (12), mentre è l’ex Sakota (14) la vera spina nel fianco per la difesa pesarese.

Markovski riparte con i tre piccoli, con Cavaliero, Stipcevic e Thomas contemporaneamente sul parquet con Barbour da quattro e Bryan da centro, i primi canestri della serata per il triestino e il pivot riportano avanti la Vuelle sul 47 a 44 e cinque punti consecutivi di Stipcevic consentono ai biancorossi di mantenere qualche punticino di vantaggio, con la difesa che soffre sotto canestro, ma complessivamente continua a reggere dignitosamente contro la capolista, deve rientrare Crosariol per arginare la fisicità prorompente di Dunston che con due schiacciate riporta avanti la Cimberio (54 a 51) a conclusione di un parziale di otto a zero, la partita entra nel vivo con Varese che prova a dare la spallata decisiva affidandosi alla marea di rimbalzi offensivi concessi dalla difesa biancorossa, De Nicolao infila la tripla del massimo vantaggio varesino (60-53 al 28’), ma Pesaro è brava a rimanere in scia grazie a Barbour e il terzo periodo si chiude con i lombardi avanti di sole tre lunghezze: 60 a 57.

Essere ancora in partita ad inizio dell’ultimo quarto è comunque un merito per i ragazzi di Markovski che, con la tranquillità di chi il suo dovere lo ha fatto comunque, rimangono in scia della capolista, Sakota continua a martellare dai sette metri con Mack che non riesce a seguirlo rimanendo colpevolmente dietro ai blocchi, e il ventesimo punto dell’ex biancorosso fa volare Varese sul 67 a 59, con la sensazione che questo possa essere il break decisivo dell’incontro, Pesaro non riesce più a segnare con un solo canestro realizzato in cinque minuti, Dejan Ivanov ha già preso più rimbalzi offensivi di tutta la Vuelle e si entra negli ultimi cinque minuti del match con Varese avanti sul 70 a 62, il bonus di falli già esaurito da tempo dai biancorossi consente alla Cimberio di trovare dalla lunetta i punti della tranquillità e il pubblico di casa può giustamente iniziare a festeggiare con i suoi ragazzi la conquista dei due punti che valgono il primo posto matematico, gli ultimi minuti servono solamente per riempire i tabellini, fino alla sirena finale che sancisce la vittoria della Cimberio con il risultato finale di 85 a 70.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>