Le tecniche pittoriche antiche: fusione alchemica tra materia e soggetto. A CANDELARA

di 

30 aprile 2013

PESARO – Venerdì 3 maggio alle ore 21.00, presso la Sede della Pro Loco di Candelara (primo piano dell’ex-Palazzo Municipale) si terrà il nono è ultimo incontro del ciclo di conferenze “I Venerdì di Luce” dal titolo “Le tecniche pittoriche antiche: fusione alchemica tra materia e soggetto”, relatrice sarà Francesca Rosa.

 

Una panoramica sulla storia dell’arte, vista attraverso un confronto tra materia e rappresentazione focalizzando l’attenzione su come il soggetto sia sempre stato intimamente legato alla disponibilità di certi materiali e di come questi materiali che potremmo a volte definire poveri, siano stati in realtà i grandi protagonisti indispensabili per la realizzazione di opere d’arte che ancora oggi sono in grado di trasmetterci tutta la loro bellezza e magnificenza.

 

Il ciclo “I Venerdì di Luce” è organizzato dalla Pro Loco di Candelara con il patrocinio della Regione Marche, dell’ “Assessorato Partecipazione e Quartieri” del Comune di Pesaro, della Provincia di Pesaro e Urbino e del Consiglio di “Quartiere n. 3”.

 

La conferenza sarà preceduta dalla proiezione del terzo video di “CandelarArte caffè” in cui il maestro Gilberto Grilli parlerà dell’arte pittorica dell’artista marchigiano Claudio Sacchi (Claudio Sacchi è nato a Pesaro il 19 dicembre del 1953. Ha frequentato inizialmente la Scuola d’Arte di Urbino, proseguendo poi i suoi studi presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Fondamentale per la sua formazione sono stati gli incontri e la frequentazione di Pietro Annigoni dal 1973 e di Enrico Del Bono dal 1977.).

 

Per maggiori informazioni si può visitare il sito web della Pro Loco di Candelara: www.candelara.com.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>