“Nel mio giardino”. A palazzo Gradari la manifestazione di Centrale fotografia. I premiati

di 

30 aprile 2013

PESARO – In questo ultimo lungo fine settimana a Pesaro, oltre alle diverse manifestazioni sportive e ludiche seguite nella città, c’è stata molta attenzione anche per una riuscita manifestazione culturale, la “Tre giornate intorno al paesaggio/giardino” organizzata dall’associazione culturale “Centrale Fotografia”, con il patrocinio del Comune di Pesaro e la collaborazione della Unopiù e di Omnia Comunicazione. Dove sono intervenuti esperti che hanno dato nuovi punti di riflessione e attenzione, sul rapporto che abbiamo ogni giorno con i luoghi che viviamo e con i nostri paesaggi. Nel manifesto dell’evento è stato omaggiato uno dei tesori di Pesaro forse più ignorati, gli orti Giuli, e all’evento hanno dato i loro contributi Piero Pozzi, filosofo-fotografo e docente di fotografia al Politecnico di Milano, che con i suoi interventi“Dalla rappresentazione dello spazio al racconto di un luogo”, “La natura del tempo: fotografia, paesaggio e narrazione” e “L’immagine e il giardino: il tutto in un frammento”, ha riassunto venti anni di studio che Pozzi ha fatto sulla rappresentazione fotografica del territorio e dei luoghi. Un altro intervento molto decisivo è stato quello che ha concluso l’evento, fatto dall’architetto-paesaggista Franco Panzini, dal titolo “Il progetto del giardino nel XX secolo. Tre protagonisti: Roberto Burle Marx, Pietro Porcinai, Mirei Shigemori”, dove sono stati descritti tre modi straordinari di interpretare la progettazione degli ambienti naturali nei giardini e negli spazi pubblici. Un altro momento molto sentito, è stato quello della premiazione del concorso fotografi Unopiù NEL MIO GIARDINO, dove hanno partecipato circa 140 fotografi da tutta Italia e alcuni anche dall’estero, e sono arrivate circa 400 immagini, da cui sono state estrapolate le 180 fotografie della mostra e quelle vincitrici. La giuria composta dal prof. Piero Pozzi, Simonetta Bruni (Unopiù), Elisabetta Duchi (Omnia Comunicazione), Paolo Giommi, Tim Cooper e Marcello Saparaventi di Centrale Fotografia, hanno deciso di attribuire come prima classificata Claudia Plebani di Apiro (Macerata), con la fotografia intitolata “Musica per i miei occhi”; il secondo classificato Stefano Spezi di Fano con la foto “Spazi di libertà” e la terza classificata Laura Girometti di Pesaro con la fotografia “Forza”. Bisogna dare merito a Centrale Fotografia, che è riuscita anche in questa occasione attraverso la passione e lo studio del linguaggio fotografico, a trasmettere ad un pubblico molto ampio, concetti importanti che riguardano il “paesaggio” non solo come genere fotografico e pittorico, ma in particolare come elemento di significati culturali e sociali. Le altre fotografie menzionate dalla giuria, si possono vedere sul sito: www.centralefotografia.com.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>