Un’ora di silenzio per le vittime della crisi economica

di 

30 aprile 2013

di Davide Ippaso

PESARO – Giovedì 2 Maggio, dalle 21.00 alle 22.00, ci ritroveremo in Piazza del Popolo, sotto il porticato del Comune, per manifestare, in modo civile ed educato, nei confronti del mondo politico nazionale che ha portato il nostro Paese sull’orlo del baratro. Abbiamo deciso di organizzare questo momento di riflessione, che abbiamo chiamato “un’ora di silenzio”, per commemorare tutte le vittime della crisi economica che ha colpito l’Italia.

Verranno ricordati tutti coloro che hanno deciso di togliersi la vita schiacciati dai debiti e incapaci di condurre una vita il minimo dignitosa, tutte le persone che hanno perso il lavoro o che lavorano senza percepire lo stipendio e infine le centinaia di ditte che hanno dovuto chiudere i battenti, devastate da una imposizione fiscale soffocante senza precedenti. Sarà una manifestazione per la gente e fatta dalla gente comune, senza vessilli partitici, bandiere associative o sindacali e sigle datoriali o corporative. Vogliamo ridare fiducia a chi non sta attraversando una gran momento dal punto di vista economico e psicologico, far capire a queste persone che noi ci siamo e che insieme possiamo fare qualcosa e che non si devono sentire sole e abbandonate. Infatti una delle sensazioni più diffuse è proprio quella dell’abbandono da parte delle Istituzioni, da parte di chi dovrebbe garantirci un livello di vita dignitoso e una presenza costante di supporto, ma che non sia vista come elemosina (un esempio lampante è stato il triplice suicidio a Civitanova Marche) da parte dello Stato (l’onore e l’orgoglio devono essere tutelati e non calpestati). Il silenzio caratterizzerà l’ora di presenza, un silenzio attivo che dovrà arrivare a destinazione e dovrà far rumore. Un rumore che più sarà udibile (nelle sedi a cui dovrà arrivare) più gente parteciperà all’evento. Una cosa che chiediamo a chi vorrà partecipare all’ora silenziosa sarà quella di portare con sé una candela, che tutti insieme accenderemo per commemorare chi non c’è più, che dovrà illuminare la Piazza del Popolo e ridare luce e speranza a chi, in questo momento, sta vivendo un momento buio e senza vie d’uscita. Molte volte il silenzio fa più rumore di tante parole…e di tante parole ne abbiamo sentite fin troppe ultimamente!


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>