Giovani vissini: Allievi e Giovanissimi ok, l’Under 17 di Torellino oggi in campo

di 

3 maggio 2013

PESARO – Oggi pomeriggio alle ore 17, al campo sportivo Minelli di Fontanelle di Gubbio, la Nazionale dilettanti under 17 del vissino Alberto Torelli affronterà la locale squadra Allievi nazionali. Le convocazioni non sono state ancora diramate e lo saranno probabilmente oggi, dopo la partita in cui mister Malerba e il selezionatore Magrini scioglieranno le ultime riserve in vista del Torneo della Pace di Assisi in programma la prossima settimana.

Nel frattempo, si è conclusa brillantemente per le squadre Allievi e Giovanissimi della Vis, la fase regionale.

 

La formazione Allievi della Vis giovanili

La formazione Allievi della Vis

ALLIEVI

La formazione di mister Conti, nella nuova versione a quattro punte con Cobaj e Pensalfine laterali e Cela e Ceccaroli punte centrali, ha brillantemente superato senza subire neanche una rete le ultime due partite ed ha definitivamente annullato ogni possibilità di rimonta della Vigorina Senigallia. Nella partita disputata domenica 28  contro il Valfoglia, i biancorossi hanno vinto per 3-0 con reti di Cela (2) e Ceccaroli. Nell’ultima giocata a Villa Fastiggi, poi, contro l’Olimpia Ostra Vetere è stata goleada per 7-0. La Vis chiude quindi questa fase regionale con 37 punti,12 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta (Fabriano) con 43 reti fatte e 9 subite e percorso netto in casa con 7 vittorie su 7.

Nel frattempo ieri sera in Federazione, si è proceduto all’estrazione dei due gironi per i triangolari. La Vis Pesaro è stata inserita nel girone A con S. Orso e Sambenedettese, mentre nel girone B si contenderanno il primo posto che dà diritto alla finale Civitanovese, Maceratese e Tolentino.

La formazione di Moreno Conti (campione in carica grazie al titolo vinto lo scorso anno dal fratello Daniele) salterà la prima partita che vedrà scontrarsi a San Benedetto i locali contro il S. Orso. Vis che quindi debutterà a Sant’Orso in caso di sconfitta dei fanesi e in casa in caso di sconfitta della Samb il giorno 12 maggio.

 

GIOVANISSIMI

La formazione di mister Santini chiude alla grande il campionato con due vittorie per 2-1. La prima domenica scorsa a in casa contro il S. Orso per 2-1 (doppietta di Righi) e ieri a Fermignano (reti di Salvatori e Giordano). I biancorossi chiudono la fase regionale al quarto posto con 15 punti, 4 partite vinte, 3 pareggiate e 5 perse con 11 reti fatte e 17 subite. In questa categoria, accedono agli spareggi a 3 Vigorina Senigallia, Urbania, Civitanovese, Ancona 1905, Sambenedettese e Real Pagliare.

 

Una nota a margine di queste competizioni giovanili, che se confermata sarebbe molto grave, è la vicenda denunciata ieri dal sito dell’Ancona 1905 e che riportiamo integralmente:

Episodio deprecabile la scorsa domenica mattina a Macerata al campo sportivo Collevario, dove era impegnata la squadra Allievi dell’Ancona 1905, contro la parigrado della Maceratese, nella sesta giornata di ritorno del campionato Regionale. Durante la partita il giocatore e capitano della squadra dorica, Nicolò Tanasi, veniva apostrofato continuamente con la frase “sei un criminale” dalla Presidente della società ospitante, signora Francesca Maria Tardella (come da lei ammesso ad un quotidiano nei giorni successivi), presente in tribuna. A fine gara poi, mentre le due squadre rientravano negli spogliatoi, la signora Tardella entrava sul terreno di gioco, accompagnata da un individuo, che  aggrediva fisicamente il giocatore Tanasi, con un colpo al volto e strattonandolo lo feriva al petto. Intervenivano le forze dell’ordine per sedare gli animi e al giocatore, trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Regionale di Torrette ad Ancona,  veniva riscontrato un trauma cranico e lesioni al torace, con una prognosi di quattro giorni.
Alla luce di quanto accaduto l’Ancona 1905, condanna categoricamente  il comportamento della Presidente Tardella e dell’aggressore (già identificato), e si riserva di denunciare alle autorità sportive e civili il gravissimo episodio, anche in considerazione del contesto e delle parti in causa: una Presidente di una società di calcio, contro un ragazzo minorenne di appena 16 anni di età e durante una partita di un campionato giovanile, dove la componente educativa dovrebbe essere l’elemento più importante. Un gesto gravissimo che non può e non deve passare nell’indifferenza”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>