Vuelle, sconfitta innocua contro Avellino

di 

5 maggio 2013

SCAVOLINI BANCA MARCHE PESARO – SIDIGAS AVELLINO 80-95
SCAVOLINI BANCA MARCHE PESARO: Traini 3, Cavaliero 8, Stipcevic 31, Barbour 22, Thomas 6, Crosariol 0, Flamini ne, Mack 4, Bryan 0, Amici 6, All. Markovski
SIDIGAS AVELLINO: Hunter 12, Brown B. 7, Biligha 10, Lakovic 14, Richardson 21, Spinelli 9, Ivanov K. ne, Crow 0, Dragovic 18, Salafia 2, Ronconi 0, Iurato 2,. All. Pancotto
ARBITRI: Taurino, Chiari, Vicino
PARZIALI: 15-27, 15-20, 24-20, 26-28
SPETTATORI: 4.096

 

I tifosi pesaresi applaudono Zare Markovski

I tifosi pesaresi applaudono Zare Markovski

PESARO – Finisce con una innocua sconfitta la stagione della Scavolini Banca Marche, battuta per 95 a 80 da una Sidigas Avellino sempre avanti anche con 20 punti di vantaggio. Per la Vuelle si salva il solo Stipcevic (31 punti) e qualche lampo di Barbour, mentre Crosariol era nella versione peggiore della sua stagione. Con questa sconfitta Pesaro finisce al penultimo posto e si appresta a cominciare una lunga estate che dovrà portarla verso una difficilissima iscrizione per il prossimo anno.

Avellino è senza Linton Johnson e Kaloyan Ivanov in borghese in fondo alla panchina, mentre Taquean Dean non è neanche partito per la trasferta, Pesaro è al completo anche se capitan Flamini è nei dieci, ma non metterà piede sul parquet, non c’è tanta gente anche se la Vecchia Guardia tiene alto l’onore, mostrando uno striscione a favore di Zare Markovski, con tutta l’Adriatic Arena a tributargli la meritata standing ovation, parte bene la Sidigas con un 4 a 0, subito rimontata da un’azione da quattro punti di Stipcevic, due triple di un Dragovic troppo libero riportano avanti gli irpini sul 10 a 6 con la Vuelle in difficoltà sulle marcature del quintetto avversario privo di un lungo di ruolo, Bryan si mangia un paio di canestri e al 4’ Avellino è meritatamente avanti per 14 a 6, il parziale a favore degli ospiti prosegue fino al 19 a 6 e Markovski è costretto a chiamare il primo timeout della serata ed effettuare i primi cambi, inserendo Crosariol e Mack che si fa notare solamente per due ingenuità che lo fanno ritornare di corsa in panchina con Ale Amici che ne prende il posto, i primi segnali di vita della Vuelle arrivano con l’ingresso di Andrea Traini e il passaggio ad una difesa a zona, ma il primo quarto si conclude con gli ospiti avanti con pieno merito sul punteggio di 27 a 15.

Il secondo quarto si apre con la tripla dall’angolino di Traini, ma la Scavolini Banca Marche non riesce a mordere in difesa come dovrebbe e Avellino si mantiene agevolmente in doppia cifra di vantaggio (30-20 al 13’), Crosariol è in una di quelle serate che la faccia dice tutto e con il solo Stipcevic a produrre punti la rimonta sembra complicata, due schiacciate del ventenne Biligha danno il massimo vantaggio agli ospiti sul 38 a 23 con la Vuelle che si affida con alterne fortune al tiro da tre, senza minimamente costruire un’azione degna di nota, Cavaliero e Mack sono ancora fermi a zero punti e un bruttissimo primo tempo dei biancorossi si chiude con la Sidigas in vantaggio per 47 a 30.

Basterebbe il dato della valutazione di metà partita (58 a 18) per comprendere il dominio avellinese in questi primi venti minuti, con la Scavolini Banca Marche surclassata in ogni voce statistica, con il solo Stipcevic a non sfigurare, per lui 15 di valutazione su un totale di 18 della Vuelle.

Nell’intervallo c’è stata la premiazione delle aziende del Consorzio, rimaste  purtroppo solamente in nove a sostenere il basket pesarese, Richardson apre il terzo quarto con la tripla del più 20 e si attende ancora una reazione dai giocatori biancorossi che continuano svogliatamente a giochicchiare senza grosso entusiasmo, Cavaliero e Mack trovano finalmente i loro primi punti di giornata per un timido riavvicinamento (54-43 al 24’), e sembra che un minimo di voglia di difendere sia arrivata nelle teste dei pesaresi che in attacco continuano a bombardare il canestro con percentuali altalenanti, Avellino trova con Richardson punti importanti per mantenersi avanti con autorità e un terzo quarto giocato sostanzialmente alla pari si conclude con la Sidigas sempre in vantaggio per 67 a 54.

Volendo ci sarebbe tutto il tempo per provare a vincere il match, con Stipcevic, già arrivato a 26 punti personali, che cerca di caricarsi sulle spalle tutto il peso offensivo, Thomas riavvicina la Vuelle fino al meno otto, ma appena Pesaro si distrae viene subito punita da una Sidigas che ha tutta l’intenzione di portarsi a casa i due punti, un bella entrata di Amici riporta la Scavolini Banca Marche sul meno 10 (75-65) a cinque dalla sirena, Lamont Mack conclude una brutta serata commettendo il quinto fallo e la tripla dell’80 a 65 di Lakovic sembra far calare il sipario su una partita che onestamente Avellino ha strameritato di vincere dalla palla a due, c’è il tempo per Stipcevic di superare quota 30 e per coach Pancotto di mettere in campo i suoi giovani, risultato finale 95 a 80 e speriamo di rivederci tutti qui anche il prossimo ottobre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>