Magi: “Grandissimi”. Mercoledì a Macerata alle 20.45

di 

12 maggio 2013

TERMOLI – Mister Magi, a fine partita, era il ritratto della felicità: “Ero molto emozionato, questa partita la sentivo particolarmente ma volevo trasmettere ai ragazzi solo fiducia. Alla fine, però, sono esploso. Questa è una soddisfazione grandissima, sia per i miei giocatori e che per i tifosi. Gli ultimi 10′ sono stati un calvario… Adesso la Maceratese? Ancora non abbiamo fatto niente, cerchiamo di ricaricare le pile. A Macerata voglio vedere la stessa sfacciataggine”.

Mister Peppe Magi

Una partita vinta con una sapiente lettura tattica: 4-3-3 (che si conferma modulo ammazzagrandi), con Bianchi schierato a sorpresa alto nel tridente e Alberto Torelli sul metodista Cianni. “Sapevo che loro potevano soffrire sugli esterni e nei tre dietro, abbastanza macchinosi, potevamo creare dei problemi. Bianchi mi garantiva più copertura di campo. E Torelli nel centrocampo a tre era l’unico con il suo passo in grado di coprire sul loro metodista, pressare e ripartire. Ma anche Di Carlo, quando siamo rimasti in 10, è stato utilissimo. Ha sfiorato il gol e ha saputo coprire. La dimostrazione che in questo gruppo tutti servono e sono presi in considerazione”.

La Maceratese ha chiesto di giocare la finale playoff di girone F in nottura alle 20.45: la Vis ha accettato. Tutto per favorire l’afflusso dei tifosi.

 

LE PAROLE DI TORELLINO, CREMONA E BUGARO

Grande chiusura di settimana per il neo maggiorenne Alberto Torelli, che ha bissato a Teramo la rete siglata con la Nazionale under 17 nel torneo della Pace di Assisi: “Il gol in Nazionale era per mio nonno Gino che non c’è più, questo al Termoli è per mia mamma. Nella ripresa sono dovuto uscire per una botta alla coscia ma non dovrebbe essere nulla di grave. Spero per mercoledì di esserci”.

Luca Cremona, il lumbard: “Nella ripresa, rimasti in dieci, abbiamo dimostrato di essere una squadra vera. Non ci calcolava nessuno e invece abbiamo vinto. Sono contento ma non ci fermiamo qui… abbiamo grande fame”.

Gianluca Bugaro: “Non sono io il match winner, la vittoria è di tutta la squadra. Nel primo tempo ero partito timido e su questo aspetto devo migliorare. Poi è arrivata la rete del 2-1 che mi rende felicissimo, anche perché ho riscattato l’errore del primo tempo”.

Se vuoi leggere la cronaca minuto per minuto di Termoli-Vis 1-2 clicca qui

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>