Madonna del Giro del Foglia, dieci anni dopo

di 

13 maggio 2013

di Francesco Pierucci

URBINO – Dopo dieci anni il santissimo quadro della Madonna del Giro del Foglia è tornato presso l’abazia di San Giacomo e San Filippo. L’abazia, si trova all’interno del meraviglioso contesto dell’Urbino Resort, ottenuto dopo un grandioso lavoro di riqualificazione grazie alla lungimeranza di Antonio Bruscoli. Il quadro e tutti i parrocchiani, hanno infatti ritrovato un’Abazia tornata agli antichi splendori, dove l’amatissimo quadro rimarrà per un anno.

Dopo il varco dell’arco da parte della Vergine e dei fedeli, si è tenuta una solenne messa, nel curatissimo parco adiacente l’abazia, celebrata da Monsignore Giovanni Tani che ha richiamato centinaia di credenti nonostante il maltempo.

Il dipinto, trasportato da Schieti ha una storia antichissima. Attribuito ad Antonio Viviani, il quale si è ispirato a quello di Giovanni Santi, presente nel convento di Silvano, paesino vicino Fermignano. Nel 1428 nacque proprio a Silvano la “Congragazione della Beata Vergine del Convento di Silvano”, trasformatasi poi in madonna del giro. Negli anni vennero ampliate le delegazioni, cinque, compresa quella della Valle del Foglia; dove nel 1500 nacque e consolidata poi nel 1667 con la definizione dei “capitoli” e della congregazione, ufficializzando il tutto nel XIX secolo.

In esposizione, fino al 10 maggio 2014 dei pannelli fotografici curati dallo storico/amatore schietino, Raniero Bartolucci.

Ogni Domenica mattina alle ore 9:30 verrà celebrata la santa messa. L’abazia, sita all’interno dell’Urbino Resort è aperta a tutti ogni giorno.

Il prossimo anno il quadro della Vergine troverà dimora presso la chiesa di Montecalvo in Foglia.

Per informazioni: www.tenutasantigiacomoefilippo.it

LA GALLERIA FOTOGRAFICA: 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>