Orientagiovani, partecipazione record di studenti

di 

16 maggio 2013

Federico Ferrini, presidente Giovani Industriali, parla alla platea di studenti ed insegnanti

Federico Ferrini, presidente Giovani Industriali, parla alla platea di studenti ed insegnanti

PESARO – “Siamo riusciti a coinvolgere e ad emozionare gli studenti delle scuole di secondo grado e dell’università di Urbino con la proposta di progetti innovativi di sperimentazione del mondo delle imprese”. Così Federico Ferrini, presidente del Gruppo Giovani di Confindustria Pesaro Urbino, in occasione della giornata conclusiva di Orientagiovani, lo storico progetto che il sistema confindustriale dedica annualmente ai giovani e alle istituzioni scolastiche e dell’alta formazione del territorio.

I numeri descrivono un’edizione record: 1.000 allievi e 50 insegnanti in 12 scuole secondarie di primo grado; altri mille allievi e 150 insegnanti in 15 scuole secondarie di secondo grado; ben 100 studenti e una decina di docenti della ‘Carlo Bo’. Molti di loro, oggi, stipavano la sala convegni di palazzo Montani Antaldi, sede della Cassa di Risparmio di Pesaro.

L’edizione di quest’anno si è aperta con un evento comune con le scuole della provincia di Ancona: protagonista Roberto Bonzio, ‘giornalista-imprenditore’ e autore dello spettacolo “I have a dream…”, il quale – ha spiegato Ferrini – “ha dato la giusta carica per arrivare oggi al contest finale, in cui i progetti proposti in collaborazione con le aziende hanno spaziato dalla proposta di nuovi prodotti e servizi innovativi per la creazione di start-up alla consulenza in merito ad aspetti strategici di aziende consolidate ed affermate del territorio”. In più rispetto al passato, è stato chiesto agli studenti di cimentarsi nella presentazione dei lavori sviluppati, “per farli confrontare sullo stesso campo e far cogliere loro fino in fondo il senso della sfida che quotidianamente gli imprenditori insieme ai loro collaboratori fronteggiano sui mercati di tutto il mondo: una sana e vera esperienza di imprenditorialità”.

“Collegare il mondo della scuola alle realtà imprenditoriali – hanno evidenziato il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino, Matteo Ricci, e l’assessore al Lavoro e formazione Massimo Seri – è una sfida che da anni la Confindustria provinciale sta portando avanti con successo, attraverso diverse iniziative che rendono concreto questo passaggio importante e spesso difficile per i giovani. Anche la Provincia di Pesaro e Urbino, avvalendosi di strumenti come borse lavoro, assegni di ricerca, sostegno alla creazione d’impresa, orientamento giovani e, da ultimo, le ‘Botteghe di Mestiere’, è impegnata a far sì che il legame tra istruzione, formazione e lavoro avvenga in una logica di continuità, in linea con i costanti mutamenti del mercato e sempre più ‘on the job’, apprendendo direttamente dalle realtà imprenditoriali del territorio e facendo leva su doti come creatività, intraprendenza, voglia di mettersi in gioco”.

“La forza dei valori e la passione con la quale studenti, docenti e imprenditori hanno fatto squadra” sono state sottolineate dal vicepresidente della Camera di Commercio, Amerigo Varotti, che parlato di questi segnali come di “spiragli di ottimismo, che fanno ben sperare nel futuro e nelle nuove generazioni”.

Il progetto dedicato alle scuole medie secondarie di primo grado, dal titolo “4°: alunno, attitudine, azienda, ambiente”, si proponeva di diffondere una nuova cultura di impresa, alla luce dei mutamenti economici e sociali in essere. Il primo premio è stato assegnato alla Classe 3° dell’I.C. ‘Giovanni Pascoli’ di Tavullia.

Le scuole secondarie di secondo grado si sono confrontate sul tema “Scuola & Impresa: learning by doing”, con l’obiettivo di attivare una sinergia azienda-docente-studente attraverso la sperimentazione della metodologia laboratoriale, attraverso il processo di apprendimento impostato su una logica di problem solving. Il primo premio è andato alla Classe 4^ TIEN dell’Istituto ‘Benelli’ di Pesaro, che ha sviluppato una tematica proposta dall’azienda Ingen srl. di Jesi (Ancona). Menzioni speciali alle classi 3^ e 4^ P del ‘Bramante’ di Pesaro, 3^D del ‘Marconi’ di Pesaro, 4^B aziendale del ‘Branca’ di Pesaro.

Infine, il concorso “Didattica laboratoriale”, dedicato allo sviluppo di progetti inerenti tematiche proposte dalle aziende è sttao vinto da Andrea Gregori, Elisa Viticchiè, Mara Casadio, Valeria Papini e Lorenzo Tanoni, che hanno sviluppato il tema della “comunicazione aziendale all’interno di uffici e stabilimenti”, proposto dalla FAB srl. di Gallo di Petriano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>