Terracruda d’Argento al Concours Mondial de Bruxelles

di 

21 maggio 2013

FRATTE ROSA – La Cantina Terracruda di Fratte Rosa sale sul podio della ventesima edizione del Concours Mondial de Bruxelles e si aggiudica la Medaglia d’Argento con il “Profondo” 2009 Colli Pesaresi Sangiovese Doc.

Ben 8.200 campioni di vino, provenienti da 50 Paesi produttori, si sono affrontati a Bratislava, in Slovacchia, il 10, l’11 e il 12 maggio scorsi, di fronte ad una giuria selezionata, composta da grandi professionisti di tutto il mondo. Sommelier, responsabili acquisti, importatori, giornalisti ed enoscrittori, in tutto 305 degustatori, di 40 nazionalità diverse, hanno lavorato per giudicare l’insieme dei campioni presentati.

Questa diversità, sia dei campioni cosi come del profilo dei degustatori, è la caratteristica distintiva e originale di questa competizione che è ormai diventata un incontestabile “campionato del mondo” della degustazione dei vini e degli alcolici.

L’Italia ha partecipato con 1.052 campioni di vini presentati, aggiudicandosi 2 gran Medaglie d’Oro, 88 Medaglie d’Oro e 186 Medaglie d’Argento.

Le Marche portano a casa 3 Medaglie d’Oro e 6 Medaglie d’Argento. La Cantina Terracruda, società agricola di Fratte Rosa, è l’unica azienda della provincia di Pesaro e Urbino ad aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento della Medaglia d’Argento.

Emma Berti e Luca Avenanti della Cantina Terracruda

Emma Berti e Luca Avenanti della Cantina Terracruda

“E’ un grande onore ricevere questo prestigioso riconoscimento internazionale – commentano due dei titolari dell’azienda, Luca Avenanti ed Emma Berti – La Medaglia d’Argento rappresenta il coronamento di un lungo lavoro svolto con passione e dedizione, a partire dalla vigna, coltivata solo con metodologie a basso impatto ambientale, passando per la vendemmia, svolta rigorosamente a mano, fino ad arrivare in cantina, dove innovative tecniche di vinificazione ci consentono di estrarre solo il meglio dalle nostre uve”.

“Profondo” 2009 Colli Pesaresi Sangiovese Doc porta la firma dell’enologo Giancarlo Soverchia ed è ottenuto dalla selezione delle migliori uve Sangiovese dell’azienda. Il Profondo rimane dodici mesi in maturazione sur lies in piccole botti di rovere di primo passaggio, con battonage settimanale. Questa particolare tecnica di vinificazione gli dona un’ampia corposità, intensità e complessità aromatica, e un colore rosso rubino carico, tendente al granato.

La complessità aromatica, che si svela in aromi fruttati e floreali, lo rende un Sangiovese inedito, nei profumi di cuoio, di tabacco e nei sentori animali ritrova la sua franchezza. Strutturato ed elegante, caldo e giustamente tannico, equilibrato in bocca, è un vino da invecchiamento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>