Volley, niente debiti pregressi per iscriversi in serie A

di 

21 maggio 2013

PESARO – Come anticipato da Giancarlo Sorbini, presidente della Robursport, il termine ultimo per l’iscrizione al campionato di pallavolo femminile serie A scade il prossimo 28 giugno.

La data è stata confermata lunedì 20 maggio,quando, a Milano, si è riunita l’Assemblea delle Società aderenti alla Lega Pallavolo Serie A Femminile. Erano presenti 9 società di Serie A1 (assente Villa Cortese, che ha annunciato da tempo la volontà di ripartire da categorie più basse, puntando sul settore giovanile) su 10 totali) e 13 Società di Serie A2 (su un totale di 14).

A rappresentare Pesaro il presidente Sorbini, per Urbino il direttore sportivo Merendoni.

Nel corso dell’incontro sono state prese in esame le norme di ammissione ai Campionati 2013-2014, proseguendo il lavoro già iniziato nel corso dell’Assemblea tenutasi a Verona lo scorso 6 maggio. Tutti i principi saranno oggetto di confronto con la Fipav.

Esaminiamo, punto per punto, le decisioni assunte dall’assemblea:

La data ultima di presentazione delle domande di ammissione ai Campionati sarà venerdì 28 giugno 2013.

 (Niente da commentare, era una data già nota e le società hanno a disposizione un tempo necessario per iscriversi).

Le Società di Serie A1 e A2 dovranno aver provveduto entro l’inizio del Campionato 2013-14 al pagamento del 100% degli importi dovuti per la stagione 2012-13, pena la non ammissione al Campionato stesso.

 (In passato non accadeva, se è vero che molte società stanno pagando ancora stipendi delle stagioni precedenti. La sensazione è che se i controlli saranno ferrei, non elastici, al campionato 2013/14 parteciperanno meno squadre di quante hanno terminato il precedente).

La Camera di Conciliazione non sarà concessa per i compensi 2012-13 ai fini dell’iscrizione al Campionato 2013-14.

 (La Camera di Conciliazione è uno degli strumenti più assurdi, anzi ingiusti, messi a disposizione delle società, consentendo loro – in linea di principio – di offrire contratti ricchi e di non rispettarli. Una conciliazione potrebbe servire a interpretare un contratto, non a ridurre un compenso; premesso, appunto, che pur di ingaggiare una giocatrice di valore, certe società promettevano stipendi che non erano in grado di pagare).

E’ previsto un unico controllo sullo stato dei pagamenti per la stagione 2013-2014, fissato al 15 gennaio 2014.

 (Sperando che eventuali penalizzazioni non siano quelle inflitte a Chieri…).

Tutte le società partecipanti ai Campionati di Serie A1 e A2, entro i 15 giorni precedenti la fine della Regular Season, dovranno aver versato almeno il 50% dei compensi dovuti per la stagione 2013-2014, pena la non ammissione alla fase Play Off.

 (Vedremo…).

I dirigenti delle Società oggetto di provvedimenti da parte degli Organi Giudicanti della Federazione in riferimento al mancato adempimento degli impegni economici nei confronti dei tesserati non potranno far parte di Società partecipanti ai Campionati 2013-2014, fatto salvo il totale adempimento dei pagamenti in oggetto.

 (Credete che agli interessati importerà qualcosa? In passato abbiamo visto importanti dirigenti componenti del direttivo della Lega Pallavolo non rispettare impegni precisi).

Le società che durante la stagione 2013-2014 riporteranno sanzioni da parte degli Organi Giudicanti Fipav, in termini di punti di penalità, non saranno considerate ai fini del ranking previsto per le qualificazioni alle Coppe Europee 2014-2015. (Anche per questo punto meglio attendere gli eventi).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>