Cristina Ortolani è il nuovo presidente della Cna Pesaro

di 

24 maggio 2013

PESARO – Cristina Ortolani, storica, ricercatrice, autrice di testi e pubblicazioni, è il nuovo presidente della Cna di Pesaro. L’elezione della Ortolani, che proprio per la CNA ha realizzato negli scorsi anni due pubblicazioni e diverse mostre, è avvenuta al termine dell’assemblea congressuale della Cna cittadina incentrata sulle questioni del territorio  e su quelle che più in generale attanagliano le imprese in questo difficile momento.

Cristina Ortolani, storica e presidente della Cna di Pesaro

Cristina Ortolani, storica e presidente della Cna di Pesaro

Il dibattito, al quale hanno preso parte tra gli altri il segretario provinciale della CNA, Moreno Bordoni ed il presidente di Fidimpresa Marche, Alberto Barilari, è ruotato attorno ai dati della crisi che attanaglia la città: oltre 200 imprese artigiane perse in quattro anni, cassa integrazione triplicata, un migliaio di disoccupati in più all’anno negli ultimi cinque; intere zone artigianali diventate una lunga teoria di capannoni sfitti. Ed ancora negozi e botteghe che chiudono i battenti; interi settori (come il tessile abbigliamento), pressochè spariti. Il mobile che arranca anche sull’estero; l’edilizia ferma, la meccanica che annaspa e l’autotrasporto al palo. L’analisi è impietosa e riguarda un po’ tutti i settori. Tra le questioni principali, quelle relativo al credito e alla mancanza di linee di finanziamento da parte degli istituti bancari.

Ed ancora, la tassazione locale (Imu e Tares in particolare), che appesantisce il fardello delle aziende. Il carico di tributi nazionali e l’impossibilità di fare nuovi investimenti. Era presente anche il vicesindaco, Enzo Belloni che ha ricordato l’azione del Comune per il rilancio dell’economia del territorio attraverso il Patto sottoscritto con le associazioni di categoria per affrontare la crisi attraverso linee programmatiche, obiettivi e progetti ed elogiato l’azione della Cna.

“Il momento è nerissimo – ha detto Moreno Bordoni – ed è per questo che la Cna in questa fase ha il compito di stare al fianco delle imprese, dei loro titolari ma anche dei dipendenti quale parte integrante di un sistema: quello della piccola impresa che ha garantito fino ad ora benessere, ricchezza e occupazione. Attraverso il nostro Confidi e il sistema Cna siamo stati in grado di salvare tante imprese (oltre un migliaio solo nel 2012), che altrimenti avrebbero chiuso i battenti. Per questo crediamo che la nostra associazione possa costituire, ora più che mai un punto di riferimento e di proposta per tutti il settore”. Ad intervenire anche il responsabile regionale Cna per l’internazionalizzazione, Emilio Berionni che ha ricordato le tante opportunità offerte dai mercati esteri e dalla possibilità per le imprese pesaresi di fare sistema e di creare reti per aggredire i mercati esteri.

D’altra parte l’efficacia di questa azione di rappresentanza della Cna è testimoniata dal livello di partecipazione alle assemblee congressuali. Fino ad ora una ventina dalla fine di aprile ad oggi in tutta la provincia. “Assemblee affollate – ha detto Bordoni – con tanti imprenditori che partecipano e che vogliono dire la loro. Noi cercheremo di farci interpreti delle tante istanze e di portare a sintesi quello che abbiamo ascoltato in questi giorni anche attraverso il nostro prossimo congresso provinciale del 9 giugno”.

Un ringraziamento particolare, per l’impegno,  la passione, la competenza  dimostrata in questi anni,  è stato rivolto infine alla presidente uscente della Cna di Pesaro e Urbino, Sabina Cardinali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>