Gente nuova, competente e ottimismo ai piani alti: si riparte da qui. Ma servirebbero anche i soldi.

di 

29 maggio 2013

PESARO – Non era affatto scontata, anzi. L’ufficialità dell’iscrizione della Victoria Libertas per la prossima stagione di serie A è finalmente arrivata e la Vuelle l’anno prossimo parteciperà al campionato che l’appartiene per meriti sportivi e che era doveroso riprovare per almeno altri dodici mesi. Ma non tutti all’interno del Consorzio erano entusiasti all’idea di rimanere nella massima serie, e se ci fosse stata la garanzia di ottenere una wild card per la Legadue Gold, sarebbe stata accolta con gioia. Invece i piani alti della Federazione erano propensi ad inserire Pesaro solamente in Legadue Silver, che rimane una serie B camuffata con due stranieri, oltretutto pagando anche una discreta sommetta e in Largo Ascoli Piceno si sono convinti che partecipare al campionato anche con pochi soldi non debba per forza essere l’inizio di una stagione tragica, ma un’opportunità per fare piazza pulita dei dirigenti precedenti, che qualche colpa la dovranno pur avere se la Vuelle è arrivata penultima, perdendo lo sponsor principale e cinque aziende del Consorzio.

Adesso è arrivato il momento di ricreare entusiasmo intorno a questa squadra, senza lasciare tutta l’incombenza di trovare il capitale necessario al pubblico pesarese che, secondo le richieste societarie, dovrebbe sottoscrivere la bellezza di 5350 abbonamenti (3500 a 200 euro, 1500 dagli under e 350 dalle associazioni), obiettivo difficilmente raggiungibile se non si riuscirà a cambiare questo clima di pessimismo che aleggia intorno alla Vuelle, data già per spacciata e retrocessa dagli stessi dirigenti biancorossi, essersi liberati di una persona che non esprimeva proprio gioia da tutti i pori come Montini, dovrebbe lasciare spazio a qualche ventata d’ottimismo e se è vero che la pubblicità è l’anima del commercio, affermazioni come quella di non avere neanche i soldi per pagare l’albergo per la trasferta di Milano, non ci sembrano particolarmente azzeccate, soprattutto se all’interno del consorzio hai uno dei maggiori tour operator nazionali come l’Eden Viaggi. Un esperto di marketing avrebbe colto la palla al balzo per affermare che grazie all’intervento dell’Eden Viaggi, la Vuelle riuscirà a pagarsi le trasferte più lontane, ospitando staff e giocatori in uno dei tanti alberghi convenzionati con la nostra società ed invitando anzi il pubblico pesarese a seguire la loro squadra del cuore pernottando insieme ai giocatori a prezzi scontati, ma un esperto di marketing è proprio quello di cui dovrà dotarsi la Victoria Libertas, per uscire dal dilettantismo con il quale si sono affrontati i problemi negli ultimi anni.

Quello che sembra mancare dai primi comunicati è la volontà di cercare nuovi sponsor, sappiamo tutti che non si troverà più il benefattore disposto ad investire un milione di euro come ha fatto finora Valter Scavolini, ma la ricerca dovrà continuare ogni giorno, contattando anche aziende rimaste fuori dai radar, se avere la maglia libera dallo sponsor principale, dal punto di vista economico è deleterio, dovrebbe invece essere un vantaggio per attirare nuovi investitori, se non si troverà lo sponsor principale ad inizio campionato, non si dovranno abbandonare le speranze e seguire l’esempio di altre piazze capaci di trovarle cammin facendo, strada percorsa dalla semifinalista Cantù, che ha cambiato nome per ben tre volte nel corso della stagione.

Ricordiamo inoltre che c’è da rifondare completamente il parco giocatori e non ci sembra il massimo spargere ai quattro venti la notizia che a Pesaro siamo alla canna del gas e andiamo avanti sperando nella provvidenza, i soldi per partire ci sono, gli abbonati faranno come sempre la loro parte e si potrà costruire un roster discreto, con americani provenienti dalla Legadue pronti a fare il salto di categoria, europei che approfitteranno della vetrina italiana per farsi conoscere e guadagnare di più la stagione successiva e giovani italiani in prestito dalle big, che a Pesaro avranno modo di farsi le ossa, con diversi minuti garantiti sul parquet.

Parlando di basket con tante persone ogni giorno, non tutti sembrano essere d’accordo sulla scelta di iscriversi alla serie A con pochi soldi, segnale che il pessimismo possa già aver preso il soppravvento, chi scrive è sempre stato un sostenitore della permanenza nella massima serie e che valesse la pena fare un tentativo, anche perché l’alternativa era di ripartire con molti meno soldi dalle serie inferiori, abbiamo dodici mesi per provare a venire fuori da una brutta situazione, facendo tabula rasa del passato ed affidando a gente nuova e competente il compito di far sopravvivere la Vuelle per almeno un’altra stagione, se a maggio del 2014 ci ritroveremo in Legadue vorrà dire che non siamo riusciti a far sopravvivere il basket ad alto livello a Pesaro e reagiremo di conseguenza, ma non siamo ancora retrocessi e in giro c’è chi sta peggio di noi, forse abbiamo fatto il passo più lungo della gamba, ma potrebbe essere l’occasione giusta per ripartire e cercare di risalire le gerarchie del campionato. Se Roma rischia di arrivare alla finale scudetto avendo sì discreti giocatori, ma non fenomeni, con l’eccezione di Gigi Datome ormai pronto per la Nba, significa che il divario tra le squadre da playoff e il resto del gruppo non è poi così ampio e l’ultima versione della Scavolini Banca Marche non era poi da buttare via. E’ chiaro a tutti che si partirà per evitare gli ultimi posti, ma prima di darci per spacciati occorre vedere anche che squadre allestiranno le nostre dirette concorrenti.

Gente nuova e competente, un po’ d’ottimismo ai piani alti e fiducia nell’amore della Pesaro cestistica verso la Vuelle, sono queste le basi dalle quali ripartire, se poi arrivassero anche dei soldi in più non farebbero schifo!

 

 

4 Commenti to “Gente nuova, competente e ottimismo ai piani alti: si riparte da qui. Ma servirebbero anche i soldi.”

  1. Michael scrive:

    Non fa una piega…. 92 minuti di applausi!

    Sono questi i giornalisti che vogliamo! Murgia prendi esempio invece di lagnarti come un fiolo liceale…

  2. Filippo scrive:

    ottimo

  3. Alberto scrive:

    Sono in accordo con tutto, una ventata di ottimismo e’ quello che tutti ci aspettiamo!!!!! Ora non tradiamo la VL e andiamo a confermare tutti l’abbonamento e fate pagare anche quelli che sono entrati sempre gratis…..

  4. ale scrive:

    grande davide
    ogni volta che scrivi ritrovo quello che sento in giro per negozi piuttosto che al mercato come dire la voce vera del tifoso con i piedi per terra…
    io non certo per questioni personali,è una gran persona non stravedo per ario gm…sempre meglio di montini ma tutta questa esperienza per trovare giocatori buoni a poco prezzo non ce la vedo…ma almeno è simpatico e saluterà chi si troverà sotto,per questioni di centimetri,il suo sguardo
    ci sono giovani esperti di marketing bravissimi in giro per il paese….partiamo da li…
    per i giocatori tu sei l esperto e potresti consigliare ario e spero john….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>