Ricciatti presenta un’interrogazione parlamentare per l’Archivio di Stato di Fano

di 

29 maggio 2013

FANO – A seguito delle informazioni apparse sulla stampa, l’onorevole Lara Ricciatti ha depositato oggi una interrogazione parlamentare a risposta scritta, rivolta al Ministro per i Beni e le Attività Culturali, al fine di chiedere chiarimenti circa le voci di un trasferimento dell’Archivio di Stato Sezione di Fano presso l’Archivio di Stato di Pesaro.

Gli Archivi di Stato rivestono un valore storico e culturale inestimabile perchè  depositari dell’importante patrimonio storico di una comunità, e come collegamento con le giovani generazioni e gli studenti che necessitano della loro consultazione.

La sezione fanese dell’Archivio di Stato, istituita con decreto ministeriale nel 1965, conserva tutto l’archivio storico comunale dal 1240, gli archivi notarili mandamentali di Fano (dal 1364), San Costanzo (dal 1391), Mondolfo (dal 1526), e Cartoceto (dal 1695), gli archivi ottocenteschi dei Governi di Fano e Cartoceto, la Giudicatura di Pace del periodo napoleonico, gli archivi delle corporazioni religiose soppresse, fra cui l’antichissimo archivio della Abbazia di San Paterniano che contiene documenti dal 1173. Non di secondaria importanza sono gli archivi di famiglia, fra i quali Ferri Saladini, Marcolini, Benedetti Forestieri, Gabuccini, Fonti Biscaccianti. L’Archivio contiene anche testimonianze più recenti, come i documenti della Società  di Mutuo Soccorso dei Marinai, poi Coomarpesca, quello del secondo circolo didattico di Fano e della Comunità  del Basso Metauro. Senza parlare dei Codici malatestiani che costituiscono un unicum a livello mondiale.

“Il trasferimento dell’Archivio di Stato, sezione di Fano, determinerebbe un grave danno culturale sociale ed economico, in quanto comporterebbe la perdita di una parte della propria memoria, penalizzando la terza città  delle Marche”, conclude l’onorevole Ricciatti, auspicando un intervento immediato del Ministero.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>