Ciclovia Adriatica, un sogno che comincia a divenire realtà

di 

5 giugno 2013

PESARO – Almeno sulla carta, comincia a prendere corpo la Ciclovia Adriatica, il sogno di unire Ravenna a S. Maria di Leuca con un’unica pista ciclabile lungo il mare. Sembra confermarlo il successo della staffetta che domenica 2 giugno (Bicitalia Day) ha convogliato su Fano circa 200 cicloamatori provenienti da Rimini ed Ancona, oltre che dalle varie località costiere intermedie: Gabicce, Pesaro, Falconara, Montemarciano, Senigallia, Marotta e Torrette.

Quello che conforta di più è l’adesione di importanti istituzioni: la Regione Marche, le Province di Pesaro-Urbino e Ancona, i Comuni attraversati, il CONI regionale, Legambiente Marche, il Parco del S. Bartolo e tantissime associazioni di volontariato sociale, ambientaliste e sportive.

Sarà contento quindi Claudio Pedroni, il “papà” di Bicitalia (progetto di rete ciclabile della FIAB sul territorio nazionale) che ha pedalato fino a Fano insieme a tanti giovani e meno giovani.

Particolarmente attivi sono stati i Comuni di Pesaro e Senigallia, che già da anni investono in strutture per la mobilità ciclabile e vedono nella diffusione della bicicletta la possibilità di migliorare la qualità della vita nelle loro città.  E’ stato quindi premiato da un successo pieno lo sforzo organizzativo di For-Bici Fano e Bicipiù di Chiaravalle, le due associazioni FIAB marchigiane che dallo scorso ottobre hanno lavorato insieme credendo nelle potenzialità di questa bella iniziativa. E a questo punto va riconosciuto il giusto merito a chi l’ha inventata, gli amici della bicicletta del Coordinamento delle Ciclabili Abruzzo Teramano, che nella stessa giornata del 2 giugno, in contemporanea, si sono dati appuntamento per il terzo anno consecutivo lungo il percorso  tra S. Benedetto del Tronto e Francavilla a mare; un’iniziativa bella e “contagiosa”, visto che anche altrove, in Molise e Puglia, sempre il 2 giugno, tanti cicloamatori si sono ritrovati per pedalare insieme lungo la costa adriatica. Ai cittadini ed alle istituzioni è stato lanciato un messaggio forte e chiaro: un’altra mobilità è necessaria, meno pericolosa, meno inquinante e più rispettosa dell’ambiente.

Appuntamento quindi al prossimo anno; saremo in tanti a chiedere di mettere mano finalmente ed in maniera organica ad una rete di  piste ciclabili in tutta Italia.

Bicicletta che passione

Un commento to “Ciclovia Adriatica, un sogno che comincia a divenire realtà”

  1. francesca scrive:

    finalmente anche in Italia qualcosa che assomiglierà alla pista ciclabile del Danubio, ecc

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>