Anche Carlinho saluta la Robursport: va in Azerbaigian con Angelo Vercesi

di 

7 giugno 2013

Foto di gruppo Robursport: Carlinho è il primo da sinistra

Foto di gruppo Robursport: Carlinho è il primo da sinistra

PESARO – Il sito web della Robursport, alla voce prossima partita, annuncia: “Siamo in vacanza! Ci vediamo il prossimo anno”. Il messaggio è intrigante, la speranza è nel cuore di tutti gli appassionati di pallavolo. In verità, qualcuno non ci sarà più. Ha scelto altre opportunità che al momento la società del presidente Giancarlo Sorbini non poteva garantire. Così, Otello Pedini è passato alla Liu-Jo Modena, nuova importante realtà nata dalle ceneri della società che, ritirandosi a stagione in corso, tanto male ha fatto alla pallavolo italiana. I fratelli Marchi, titolari del noto marchio d’abbigliamento, innamorati dello sport di squadra femminile per eccellenza, hanno deciso di ripartire. Con loro anche il bravo Otello.

E’ partita Lauren Gibbemeyer, se n’è andata Monica De Gennaro.  A Pesaro non ritornerà neppure Luis Carlos Caetano, per tutti Carlinho, che nell’organigramma tecnico della Robursport era inserito alla voce aiuto preparatore atletico. Carlinho va in Azerbaigian, a lavorare con il suo grande amico Angelo Vercesi, il Signore del primo scudetto firmato dalle colibrì. Angelo Vercesi ha già fatto esperienza azera, avendo allenato la VK Baku. Adesso è alla guida di una squadra più quotata, diciamo pure più ricca: l’Azerrail, o – più precisamente – Azerreyl.

Due brasiliani in Azerbaigian, chissà quanta “saudade”. A chi conosce Carlinho, come pure Angelo, mancherà soprattutto una cosa: il sorriso, la gentilezza di una persona che non occupava il ruolo più importante, ma affrontava l’impegno quotidiano con lo spirito giusto, quello che dovrebbe appartenere a tutti noi. Perché il sorriso aiuta a vivere meglio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>