Crollo manifattura e servizi (-60 e -39%), calano retribuzioni e occupazione. Ne parla Spacca al congresso CNA

di 

7 giugno 2013

ACQUALAGNA – Meno 60,5% nel manifatturiero; -30,8% nelle costruzioni; – 39,9% nei servizi. Sono dati impressionati, quelli riferiti al fatturato nelle imprese con meno di 20 adddetti in provincia di Pesaro e Urbino, relativi all’ultimo semestre del 2012. I dati dell’Osservatorio regionale di Trend Marche mostrano come tra la seconda parte del 2011 e l’ultima parte del 2012 la provincia di Pesaro e Urbino sia stata quella dove le micro e piccole imprese sono state quelle maggiormente provate dalla crisi in tutta la regione. In due semestri sui quattro considerati il fatturato di queste ha perso quota ad un ritmo superiore al 40%. La dinamica più recente della fase di crisi (quella di fine 2012), è caratterizzata nella provincia dalle difficoltà del manifatturiero (mobile e arredamento, meccanica, tessile e abbigliamento, nautica, etc.), la cui diminuzione del fatturato supera il 60%.

Rispetto al 2008, secondo TrendMarche, il livello di fatturato delle imprese si è ridotto del 47,3%. Le spese per retribuzioni sono scese del 48,6% (l’intensità di impiego del lavoro è dunque calata più ancora del calo del fatturato); le spese per i consumi (energia elettrica, forza motrice, gas, acqua, carburanti, etc.) si sono ridimensionate del 61%. Ma non sono solo i piccoli e piccolissimi a pagare lo scotto di questa crisi. Nel periodo di crisi la perdita occupazionale delle attività dell’industria (manifattura e costruzioni insieme), è stata notevole. In Italia è stata pari ad un -9,2%; nelle Marche -9,8% ; nella provincia di Pesaro e Urbino, addirittura del 12% in meno. Insomma, se prima rappresentavamo uno dei fiori all’occhiello del sistema produttivo del Centro Italia, ora siamo diventati tra i territori più massacrati dalla crisi.

Di questi e altri dati si parlerà al Congresso provinciale della CNA di Pesaro e Urbino, in programma per dopodomani, domenica 9 GIUGNO al Furlo di Acqualagna (Sala Convegni del Ristorante la Ginestra, inizio ore 9.30).

L’assise, che si tiene ogni quattro anni, provvederà ad eleggere i nuovi organismi provinciali e ad esporre le linee programmatiche per il futuro.  Aprirà i lavori il saluto del sindaco di Acqualagna, Andrea Pierotti. Seguiranno gli interventi del presidente della Camera di Commercio, Alberto Drudi e del presidente della Provincia, Matteo Ricci. I lavori entreranno poi nel vivo con la relazione del presidente provinciale uscente e vicepresidente nazionale della CNA, Giorgio Aguzzi, seguirà la relazione del segretario provinciale Moreno Bordoni, recentemente nominato alla guida dell’associazione. Particolarmente atteso l’intervento del Governatore delle Marche Gian Mario Spacca che al congresso CNA parlerà degli ultimi provvedimenti della Regione in tema di economia (come ad esempio l’annunciata riduzione dell’Irap). Concluderà i lavori della parte pubblica della mattinata, il segretario generale nazionale della CNA, Sergio Silvestrini.

Seguirà la premiazione di quattro artigiani, titolari di altrettante imprese, che sono iscritte da più anni alla CNA. Si tratta di quattro imprenditori rappresentativi del territorio (Mario Ugolini di Urbino; Caterina Pagnini di Pesaro; Guido Angeli di Montecchio e Sergio Mazzanti di Fano), che con la loro pluridecennale adesione alla CNA hanno dimostrato particolare attaccamento all’associazione.  Al termine l’assemblea congressuale provvederà al rinnovo degli organismi che guideranno l’associazione di qui ai prossimi quattro anni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>