Di Bella: “Insensata l’ordinanza che vieta nei weekend l’accesso al porto”

di 

7 giugno 2013

Niccolò Di Bella*

PESARO – Sarà colpa dei primi caldi che, dopo un inverno lungo e piovoso ed una primavera praticamente assente, avranno inciso negativamente in tutta questa vicenda, fatto sta che è appena uscita un’ordinanza della Capitaneria di Porto che per tutti i week-end (venerdì, sabato e domenica, fino al 2 settembre) proibirà l’accesso alle autovetture a partire dalle 21.30 nella zona portuale compresa tra il Basket Giovane e il nuovo parcheggio lungo il molo di Levante.

Niccolò Di Bella

Il consigliere comunale Niccolò Di Bella

Tutto questo arriva nel primo anno in cui finalmente i pesaresi possono godere di un porto che – sebbene a mio parere sembri sempre “incompiuto” e poco ben fatto – per 4 lunghi anni ha visto la presenza di un cantiere aperto, con enormi disagi sia per coloro che intendevano godere di uno dei luoghi più belli e suggestivi della città, sia per i pubblici esercizi presenti nella zona (locali, ristoranti, hotel).

Capisco che vi siano situazioni di maleducazione e di inciviltà (e di vera e propria violazione della legge!) che debbano assolutamente essere sanzionate (soste “selvagge”, avventori di locali che occupano intere carreggiate stradali, ecc…), ma questo non può essere un pretesto per punire indiscriminatamente tutti i quei cittadini rispettosi del codice della strada, e rispettosi delle regole… rispettosi degli altri!

Francamente l’impressione è che “la gatta frettolosa ha partorito gattini ciechi”…insomma, la fretta di mettere una “pezza”  ha portato ad un’ordinanza che definire insensata è un eufemismo; sicuramente unamaggiore concertazione e il tentativo di risolvere certi problemi diversamente, avrebbe evitato questa situazione.

Consapevole che l’Amministrazione Comunale non ha alcuna competenza in ambito portuale, credo che sia doveroso insistere con il Comandante della Capitaneria di Porto affinchè provveda a rimuovere la sopra citata ordinanza e provveda ad effettuare continui e costanti controlli (con eventuali sanzioni) al fine di evitare tutte quelle situazioni di mancato rispetto delle norme.

Inoltre, le ZTL (zone traffico limitato) sono certamente una cosa positiva, stimolando le persone ad utilizzare per gli spostamenti le proprie gambe (che sia camminando o pedalando); ma allora ridurre il tutto ad una fascia oraria serale che senso ha?! Inoltre, difficile incentivare le persona al non-utilizzo delle proprie autovetture, quando il trasporto pubblico locale è poco efficiente (e, tra le altre cose, costantemente colpito dai tagli !).

*Consigliere comunale Italia dei Valori

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>