Lavoro, sabato a Pesaro Giovannini. Ricci: “Ripartiamo assieme al ministro”

di 

13 giugno 2013

Enrico Giovannini, ministro del lavoro e delle politiche sociali

Enrico Giovannini, ministro del lavoro e delle politiche sociali

PESARO – Matteo Ricci vuole ripartire dalle emergenze lavoro e giovani, «priorità assolute del Paese e del territorio». E il modo migliore, secondo il presidente, «è farlo direttamente con il ministro Enrico Giovannini». Che arriverà a Pesaro sabato 15 giugno, in Prefettura, per rilanciare sui nodi e sulle riforme del governo immediatamente dopo il vertice europeo in programma domani a Roma. Un appuntamento, quello pesarese, atteso dall’opinione pubblica nazionale. Perché dopo il summit nella capitale, il ministro svelerà la linea di Palazzo Chigi e del dicastero del Welfare sul decreto in uscita a breve dal consiglio dei ministri.

 

IL SEGNALE

“Proprio nei giorni scorsi – spiega Ricci – Giovannini rimarcava la necessità di dare un segnale molto forte entro la fine di giugno, soprattutto per i 650mila ragazzi del Paese senza lavoro». E molto probabilmente il ministro lo darà da Pesaro, nell’approfondimento del piano che dovrebbe mettere sul tavolo il miliardo di euro per sostenere il lavoro dei giovani. Credito d’imposta sulle assunzioni a tempo indeterminato, part-time, apprendistato, accesso alla cassa integrazione in deroga e servizi di collocamento si candidano ad essere gli altri fronti caldi dell’intervento di Giovannini. Insomma, dentro ci sono tutte le ipotesi al vaglio di Palazzo Chigi e dell’ex guida della Statistica italiana.

 

IL RILANCIO

“Ringraziamo Giovannini – aggiunge il presidente – perchè in un momento così importante e delicato per il lavoro in chiave nazionale ha scelto di consolidare il rapporto con la nostra provincia. Con il titolare del dicastero del Welfare sarà in città anche il presidente Cnel Antonio Marzano, perché Istat e Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro sveleranno per la prima volta a Pesaro il risultato dell’indagine che riporta i dati sugli indicatori del Benessere Equo Sostenibile nelle città (tra cui Pesaro, Bologna, Bari, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Venezia, Brescia e Bolzano) e nelle Province”. E proprio sul rapporto Bes, Ricci anticipa che per la provincia “a livello globale l’impatto finale è positivo. Ci sono molti punti di forza. Ma anche alcune criticità, su cui vogliamo lavorare e orientare le politiche. E’ per questo che il rapporto Istat su Pesaro e Urbino, avanguardia nazionale del progetto, si rivela estremamente utile per istituzioni ed enti locali”. Tutto il resto – ed è molto di più, numeri e dati compresi – sarà svelato nella mattinata di sabato.

 

IL PROGRAMMA

L’appuntamento con la tavola rotonda “Il Benessere equo e sostenibile: un nuovo approccio per le politiche della città e del territorio”, è per sabato 15 giugno, dalle ore 9.30, nel salone Metaurense della Prefettura. Con il presidente della Provincia Matteo Ricci e il ministro del Lavoro Enrico Giovannini intervengono, tra gli altri, il vicesindaco di Bologna Silvia Giannini, il promotore di «Laboratorio Urbano» Walter Vitali, il sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli; il presidente Cnel Antonio Marzano e Linda Laura Sabbadini (Istat). Modera il giornalista Michele Romano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>