Inaugurazione mostra “Immagini sospese”

di 

18 giugno 2013

Immagini sospeseCANDELARA – La Pro Loco di Candelara ed il Consiglio di “Quartiere n. 3 delle colline e dei castelli”, con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Pesaro e Urbino e del Comune di Pesaro, invitano la cittadinanza e gli appassionati d’arte all’inaugurazione della mostra “Immagini sospese: nature morte e paesaggi pittorici di Piera Clementi, grafiche e sculture di Federico Pierleoni”. L’esposizione, che apre il ciclo estivo della rassegna “CandelarArte”, sarà allestita presso la Sala del Capitano del castello di Candelara da venerdì 21 giugno a domenica 7 luglio 2013. La mostra osserverà il seguente orario:

  • martedì, venerdì, sabato e domenica: 17-19;
  • dal mercoledì alla domenica: 21.30-23.

Piera Clementi è un’artista candelarese autodidatta. Da sempre ha sentito l’esigenza di esprimersi con il pennello, i colori e le matite, che sono i suoi più cari amici ai quali affida stupore sempre nuovo e magiche emozioni. Ha frequentato lo studio e le lezioni del professor Monaldi, noto acquerellista. Ama cimentarsi con varie tecniche ma predilige l’acquerello. Iconograficamente le sue opere sono paesaggi e fiori, dipinti rigorosamente dal vero.

Federico Pierleoni è un giovane e promettente scultore fanese. Ha frequentato l’accademia di Belle Arti di Urbino, poi il corso “Tam” del Comune di Pietrarubbia. Ha conseguito numerosi premi e riconoscimenti dalla critica per le sue sculture. In questa mostra propone alcune grafiche inedite; la grafica è stata una delle sue passioni già al tempo della sua formazione scolastica. È un artista che ama sperimentare, affrontare tecniche nuove e, soprattutto, recuperare. Alcune sue sculture sono il frutto di un riciclo di oggetti comuni destinati al macero, oggetti ai quali egli ridona una nuova vita.

Immagini sospese” mette a confronto due artisti completamente diversi: un autodidatta e un accademico, un figurativo e uno che tende all’astratto ed al concettuale, però le opere di entrambi sono immagini catturate dalla realtà o da un pensiero per essere restituite al visitatore con significati nuovi che vanno al di là della materialità visiva, immagini che diventano incorruttibili, destinate a contenere in sè significati riflessivi che rimangono sospesi nel tempo futuro.

L’inaugurazione è prevista per venerdì 21 giugno presso il giardino di San Francesco nel Castello di Candelara (alle spalle della chiesa diroccata al centro del borgo, in caso di maltempo presso la sede della ProLoco) alle ore 21.30, alla presenza degli artisti. L’introduzione critica sarà fatta dal dott. Lorenzo Fattori, curatore della rassegna.

Alle 21.15 sarà proiettato il 4° video della serie “CandelarArte caffè” in cui Gilberto Grilli illustra l’opera di Bruno d’Arcevia. Nella stessa sera ci sarà il primo evento della rassegna “CandelarArte SBAM” a cura di Giacomo Cardoni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>