Nel ricordo (e basta) di Andrea Ferri

di 

18 giugno 2013

PESARO – “Grazie, per ricordare mio padre per la persona fantastica che era, ma soprattutto per ricordarlo e basta”. Così la figlia di Andrea Ferri, Camilla, su facebook. Perchè il dolore si attenua così: con gli amici, quelli veri, quelli del calcetto. Alcuni dei quali, a distanza di giorni, continuano a scrivere sulla bacheca di Andrea. Un ricordo, un pensiero, un saluto.  Al tempo del 2.0, dei social network, il dolore si attenua anche così. Una testimonianza che dovrebbe far capire quanto male, quanto male esteso, profondo, incolmabile, e a più persone, si può compiere in pochi secondi di odio feroce.
Gli amici di Andrea Ferri

Gli amici di Andrea Ferri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>