Operazione mare sicuro: 42 chilometri di costa presidiata

di 

19 giugno 2013

logo 1530 Capitaneria di porto Guardia costieraPESARO – Anche quest’anno, a partire dal 24 giugno, avrà inizio l’operazione “Mare Sicuro 2013” promossa dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera sin dal 1991. Durante tutta la stagione estiva la Guardia Costiera effettuerà giornalmente mirata attività di vigilanza con il fine di mantenere sempre alta la soglia della sicurezza in tutte quelle attività che coinvolgono il mare ed il litorale del nostro Paese.

Verrà messo in campo durante l’intera stagione estiva, per adoperarsi con professionalità e competenza in quello che è il delicato momento di maggior afflusso e più intenso sfruttamento della fascia costiera, il personale del Compartimento Marittimo di Pesaro composto da circa 100 militari, 3 motovedette, 4 battelli minori e una moto d’acqua.

Il raggio d’azione di questa complessa “operazione”, che coinvolge gli Uffici Marittimi di Pesaro, Fano, Gabicce Mare e Marotta, con un’estensione della costa di circa 42 chilometri dal torrente Tavollo al confine tra Gabicce Mare e Cattolica sino al fiume Cesano tra Marotta-Mondolfo e Senigallia, sarà come di consueto ampio e diversificato, arrivando a comprendere: la pubblicizzazione agli utenti delle norme e del modo corretto per vivere il mare, in un continuum ideale con l’attività svolta lungo l’intero anno scolastico mediante incontri mirati con ragazzi delle scuole primarie e secondarie del territorio, organizzati per diffondere i cosiddetti “consigli utili” per bagnanti (www.guardiacostiera.it/maresicuro/it/ildecalogodelbagnante.cfm) e diportisti (www.guardiacostiera.it/maresicuro/it/sicurezzadellanavigazione.cfm); la vigilanza e la repressione dei comportamenti suscettibili di mettere a repentaglio la sicurezza della vita umana in mare, con particolare attenzione al rispetto delle fasce di navigazione, delle zone riservate alla balneazione e del corretto impiego di mezzi intrinsecamente pericolosi, quali moto d’acqua, kite-surf, gommoni volanti, water walking ball e similari; il controllo del rispetto degli assetti di sicurezza prescritti nelle aree date in concessione (in particolare negli stabilimenti balneari) e della presenza delle richieste dotazioni necessarie all’attività di salvamento; attento monitoraggio, in prosecuzione dell’attività già svolta durante tutto l’anno, degli scarichi presenti nel litorale e dei depuratori locali, ai fini della salvaguardia del patrimonio ambientale, naturale e paesaggistico.

Alla luce delle recenti esperienze a livello locale e dei drammatici incidenti occorsi nel panorama nazionale nel corso della stagione balneare del 2012, sarà oggetto di particolare attenzione l’attività d’immersione subacquea, sensibilizzando gli appassionati locali sull’importanza di svolgere tale momento ricreativo con la dovuta preparazione e le cautele dettate dal buon senso, dalla perizia tecnica e dalle particolarità del caso.

La collaborazione ed il coordinamento con le altre forze di Polizia presenti, al fine di evitare indebite duplicazioni delle attività svolte, dannose per l’efficienza delle forze messe in campo e per il tempo “sottratto” ai diportisti, vedrà quest’anno un significativo quanto auspicato incremento: le Forze operanti sul mare, infatti, a seguito dei controlli di routine rilasceranno alle unità un attestato della verifica effettuata e un adesivo ad hoc.

Durante la scorsa stagione estiva l’operazione “Mare sicuro 2012” ha visto, lungo l’intero litorale marchigiano, ben 38 unità navali assistite e 112 persone tra bagnanti e diportisti soccorsi.

Il “bollino blu”, accuratamente applicato dall’utente in un punto ben visibile dell’unità, testimonierà l’avvenuto controllo e la riscontrata regolarità della documentazione, del versamento della tassa di possesso, dei mezzi di salvataggio e delle dotazioni di sicurezza rinvenute a bordo.

Per garantire l’accesso immediato al supporto ed a tutti gli strumenti utili approntati dalla Guardia Costiera, oltre alla presenza costante degli uomini in divisa bianca sul territorio, sono disponibili varie ulteriori possibilità: il numero blu “1530”, appositamente predisposto per le emergenze in mare, mediante il quale si fornisce un servizio completamente gratuito, attivo 24 ore su 24 in tutta Italia, per mettere istantaneamente in contatto chiunque si trovi in difficoltà con la Guardia Costiera Italiana, le fasce informative previste nella programmazione di RTL 102.5 Radio Guardia Costiera, radio istituzionale che diffonde periodicamente informazioni utili riguardanti la navigazione e trasmette quotidianamente il Notiziario della Guardia Costiera, specificamente dedicato alle attività operative del Corpo, nonché il supporto informatico fornito dal nostro sito internet, che costituisce una fonte cognitiva semplice, sempre attuale ed in costante aggiornamento (www.guardiacostiera.it).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>