La decisione di Giuseppe Lucarini: “Serve un cambio generazionale, a fine mandato chiudo l’esperienza di sindaco”

di 

3 luglio 2013

Giuseppe Lucarini (foto tratta da Facebook)

Giuseppe Lucarini (foto tratta da Facebook)

URBANIA – Ha deciso di anticipare i tempi, comunicando al consiglio comunale la decisione con un po’ di anticipo. Giuseppe Lucarini, sindaco di Urbania, ha deciso con la fine mandato di chiudere l’esperienza di primo cittadino dell’antica Casteldurante. Su Facebook ha postato l’intervento completo. Eccolo:

 

Avevo già annunciato ai capigruppo che questa sera avevo intenzione di fare una comunicazione al Consiglio Comunale…. Un po’ in anticipo sui tempi, ma ci ho pensato bene e sono convinto di quello che faccio.

Ho deciso di farlo in consiglio comunale, perché ritengo che sia il luogo, la casa della democrazia comunale.

Qui ho vissuto importanti esperienze, ho visto cambiare la storia della città e del Paese: ho conosciuto persone che non ci sono più (ricordo Cantucci, Fantoni, Fabi ed altri….), partiti scomparsi, partiti nuovi poi nuovamente scomparsi.

Ho vissuto persino il cambiamento dei costumi (ricordo il fumo dei primi anni ad esempio che iniziava come un muro a mezza altezza).

E’ una sala che ha bisogno di restauro (che non so se riuscirò a completare).

In questa sala sono stato consigliere di opposizione, assessore alla cultura e alla fine sindaco.

Qui ho celebrato tanti matrimoni, ho ricevuto delegazioni, organizzato incontri, congressi.

Qui ho imparato a fare politica, qui c’era la politica più alta. Me lo disse l’amico Pasquini, facendomi molto piacere.

Da questa sala, prima o poi si deve uscire per tornare dall’altra parte, fra i cittadini.

In questa sala ho pensato fosse giusto annunciare, prima che in ogni altro luogo, in tempo anticipato una scelta di vita che intendo fare.

VOGLIO CHIUDERE DEFINTIVAMENTE CON QUESTO MANDATO LA MIA ESPERIENZA DI SINDACO.

E’ un po’ di tempo che mi frullava per la testa. Ne ho parlato in famiglia, con gli amici, fra compagni, ci ho pensato e ripensato, poi ho sciolto i dubbi ed ho deciso di dirlo ai capigruppo ed anche qui stasera formalmente.

Molti mi hanno chiesto perché, perché ora, perché con queste modalità, alcuni dispiaciuti, altri perplessi, altri convinti che sia una mossa tattica, altri forse saranno anche contenti…..

Niente di tutto questo.

Alla base della mia decisione c’è una riflessione personale che si è trasformata in forte determinazione.

 Provo a dirne i motivi:

1) Il primo personale: voglio tornare a vivere la mia città come persona, con la mia famiglia, da semplice cittadino. Non perché mi pesi il rapporto con la gente, anzi mi piace ogni giorno talmente di più da spaventarmi un po';

2) Perché penso sia giunta l’ora di un cambio di generazione nel governo della città, per quel che significa in politica, cioè sia il momento di mettere in piedi un nuovo circuito di responsabilità;

3) Perché ritengo che, anche a causa di dei cambiamenti socio economici profondi, che sono avvenuti anche ad Urbania, sta cambiando la percezione di se stessa della città… e sia necessario un cambio di passo, che venga interpretatoda nuovi protagonisti, con nuovi linguaggi, nuove esperienze. Non che mi manchi l’entusiasmo o la curiosità su le nuove tecniche e sistemi di comunicazione. Ma serve al governo della città UNA SQUADRA CHE CONDIVIDA TUTTA INSIEME UN NUOVO ALFABETO.

Per questi motivi voglio staccare mentalmente e iniziare un NUOVO PERCORSO DI VITA.

E VOGLIO DIRLO ADESSO affinché:

A DESTRA E A SINISTRA:

CHI HA IL FEGATO DI PROVARCI, CHI SE LA SENTE DI METTERCI LA FACCIA, PARTA FIN D’ORA SENZA CONDIZIONAMENTI.

Affinché la sfida non rappresenti un giudizio su un’esperienza uscente, ma una competizione al futuro, sul futuro, della città. Una gara virtuosa a chi sa dire o fare di più.

ALCUNE RIFLESSIONI:

L’esperienza di amministratore è unica:

ti arricchisce come poche altre esperienze, ti fa diventare tutto: assistente sociale, animatore culturale, urbanista, mediatore, controllore…. Serve molta pazienza e si impara a cogliere le sfumature di quello che tiene assieme, lega la città.

ti abitua ad immaginare, progettare, verificare ed alla fine anche alla soddisfazione di realizzare, ti rende concreto a volte è quello che assomiglia di più all’esperienza di imprenditore;

la relazione umana che ti permette di costruire è davvero unica. Ti senti veramente sindaco, amministratore, quando una persona viene a raccontarti la sua vita e si stupisce che qualcuno l’ascolti (non capita frequentemente in questo Paese);

ti cambia, ti plasma, è un viaggio da cui non esci mai uguale come ne sei entrato, cambi le tue idee e le tue priorità.

Questa esperienza (di questa legislatura) per me non è stata facile:

ero l’unico insieme a Lamberto ad avere avuto una precedente esperienza istituzionale, quindi nel mio rapporto con gli altri nulla veniva dato per scontato, su tutto ho dovuto cominciare da zero o quasi.

Spero comunque di aver dato al Consiglio nei 4 aspetti sopracitati qualcosa di solido che possa far sì che qualcuno possa continuare e rappresentare la congiunzione col futuro

Perché l’INESPERIENZA E’ CREATIVA, RIVOLUZIONARIA, ma spesso fa PERDERE ANCHE MOLTO TEMPO …. OCCASIONI STORICHE… A VOLTE TRENI.

Ringrazio tutti per quello che ho ricevuto… ed ho potuto fare (per la città e i dipendenti, ci sarà tempo, lo farò più avanti, per gli elenchi e per i nomi anche).

Lavorerò fino all’ultimo giorno, con lo stesso entusiasmo e la stessa energia, per fare le cose, mettere in piedi progetti, non perdere nessuna occasione si presenti.

AUSPICO

che questa città mantenga il segno

· di una città della cultura, (intesa in senso lato attività, beni,paesaggio)

· della protezione sociale,

· della voglia di intraprendere,

· delle relazione umane

che sono le sue caratteristiche più autentiche.

Che anche la competizione politica sappia guardare al futuro, all’interesse di tutti, sappia alzare lo sguardo oltre….

BISOGNA ALZARE LA TESTA PER CRESCERE… ESSERE CURIOSI, NON ACCONTENTARSI.

IO LAVORERÒ – lo ripeto – ancora fino all’ultimo giorno per una buona amministrazione ….

VOI LAVORATE per dare alla città UN CONSIGLIO ALL’ALTEZZA DELLA SUA  STORIA E DELLE SUE TRADIZIONI.

Giuseppe Lucarini
Sindaco di Urbania

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>