Ricci esulta per la salvezza del tribunale di Urbino e dopo la Consulta: “Ridata dignità alle Province, ora avanti con una riforma organica dello Stato”

di 

4 luglio 2013

PESARO – La sentenza della Consulta “restituisce dignità istituzionale all’ente Provincia, previsto nella Costituzione, intorno a cui è stata costruita l’organizzazione dello Stato italiano”. Insomma, “la riforma non si può fare a colpi di decreto legge” ma ora attenzione: “Il Paese va comunque riformato. E le Province devono fare la loro parte se vogliono essere protagoniste del processo”. Deleteria sarebbe il giorno dopo, secondo Matteo Ricci, “ogni posizione di chiusura e arroccamento intorno allo status quo“.

Ed è questa la lettura che il presidente di Pesaro e Urbino, membro del direttivo nazionale Upi, dà in giunta ai suoi assessori, al direttore generale e al segretario dell’ente sul giudizio della Corte Costituzionale. “Aspettiamo di leggere meglio le motivazioni della Consulta. Ma è importante che i giudici siano intervenuti sul metodo e non sul merito della questione, come un po’ tutti invece si attendevano”. Poi prosegue: “Lo Stato va riformato e le Province devono fare la loro parte. A maggior ragione adesso che il loro potere contrattuale è aumentato, dopo la sentenza. Il processo va preso per mano e non subìto”. Il governo ora non potrà più andare avanti per decreti, chiarisce Ricci, “ma potrà procedere solo per leggi ordinarie e costituzionali. Chiediamo che coinvolga le Province nella discussione”. Oltre a ciò, aggiunge, “bisogna rivedere i tagli insostenibili”. Insomma, la fase continua ad essere transitoria e Palazzo Chigi dovrà gestirla in tempi rapidi. “Ma noi dobbiamo aiutare la riforma e scongiurare la conservazione perché il Paese ne ha bisogno”, ribadisce ai suoi il presidente. Che nel frattempo palesa la sua soddisfazione per la salvezza del tribunale di Urbino, l’unico a schivare la scure: “Avevamo presentato ricorso con il Comune – conclude -. Sono state accolte le nostre motivazioni che facevano leva sul concetto di co-capoluogo. E’ una notizia importante, perché rafforziamo l’identità territoriale e su Urbino vengono mantenuti servizi essenziali, evitando l’ingolfamento del tribunale di Pesaro. Con i relativi costi e problemi in più”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>